Mercoledì 02 Novembre 2016 - 14:45

Mosul, l'Isis si ritira ma uccide 52 giovani in un collegio

Le vittime erano ex membri delle forze di sicurezza

Mosul, Isis si ritira ma uccide 52 giovani in un collegio

A Mosul la maggioranza dei combattenti dello Stato islamico ha abbandonato la zona orientale della città, a causa dell'avanzata dei soldati iracheni, e si è rifugiata nei quartiere sulla riva occidentale del fiume Tigri. Lo ha fatto sapere il capo della commissione sicurezza della provincia di Ninive, Mohamed al-Bayati. Nella stessa area occidentale della città è stata trasferita anche la gran parte dei familiari dei jihadisti. Le truppe, ha detto al-Bayati, "sono pronte per prendere il controllo totale" delle zone vicine alla riva orientale del fiume. Tuttavia, la presenza di civili rallenta l'avanzata sul terreno. La fonte ha sottolineato che nelle strade non si vedono combattenti estremisti, che sono nascosti nelle case, nei tunnel e nelle trincee scavate per proteggersi dai bombardamenti.

Al-Bayati ha aggiunto che negli ospedali di Mosul ci sono almeno 187 cadaveri di membri dell'Isis morti in battagli nel quartiere di Kukyeli e alle porte della città, così come nei raid aerei della coalizione internazionale e irachena. Altri 272 sono feriti, molti in gravi condizioni e con poche probabilità di sopravvivere a causa della mancanza di medici. Il capo della sicurezza ha parlato di "collasso" dell'Isis, che è "sconcertato di fronte all'avanzata delle forze di sicurezza, alla perdita di varie zone che controllava e alla sua incapacità di fermare le truppe".

UCCISI 52 GIOVANI. Cinquantadue giovani sono stati uccisi da militanti dell'Isis in un collegio pubblico a est di Mosul, un giorno dopo che le truppe irachene sono entrate in città facendo breccia nel fronte orientale. Uno dei leader dei cosiddetti Cavalieri di Mosul, i gruppi armati che resistono all'assalto dei miliziani jihadisti all'interno della città, Mohamed al-Musali, ha dichiarato che le vittime erano ex membri delle forze di sicurezza.

Il 'pentimento' manifestato davanti alle autorità dello Stato islamico per l'incarico svolto non ha evitato l'esecuzione dei giovani, come avvenuto lo scorso 27 ottobre a una cinquantina di ex militari. Il gruppo estremista ha chiesto oggi ai residenti dei quartieri di al-Jadraa, al-Samah, al-Karama e al-Qudis di raggiungere il collegio Mecca ad al-Jadraa con i loro effetti personali e i documenti di identità.

Secondo al-Musali, i jihadisti hanno minacciato di attaccare le case di chi si fosse opposto all'ordine diramato dagli altoparlanti delle moschee. Nonostante gli avvertimenti delle forze irachene, che hanno chiesto ai residenti dei quartieri orientali di stare all'interno delle proprie abitazioni e non badare agli appelli dello Stato islamico, centinaia di giovani hanno raggiunto il cortile interno dell'edificio scolastico, dove sono stati giustiziati.

Messi alle strette dall'avanzata dell'esercito regolare su Mosul, nelle ultime settimane i jihadisti hanno intensificato le rappresaglie nei confronti dei civili e degli ex membri delle forze di sicurezza. Il 26 ottobre, il Comitato per i diritti umani del parlamento iracheno ha reso nota l'esecuzione ad opera dell'Isis di 232 civili nella zona di Hamam al-Alil e nella località di al-Arish, a sud di Mosul.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Obama incontra Trump nello Studio Ovale della Casa Bianca

Telefonata Trump-Taiwan: Cina furiosa, interviene Obama

E' il primo contatto a questi livelli dal 1979

Austria vota per le presidenziali: test su populismo in Ue

Austria vota per le presidenziali: test su populismo in Ue

Urne aperte domenica per ripetere le elezioni, sfida Hofer-Van der Bellen

Chi è 'Cane pazzo': Mattis, il generale che guiderà il Pentagono

Chi è 'Cane pazzo': il generale che guiderà Pentagono

Per Trump è il personaggio che più si avvicina al generale George Patton

Francia, l'annuncio di Hollande: Nell'interesse del Paese non mi ricandido a presidenziali

Francia, annuncio di Hollande: Non mi ricandido a presidenziali

"Come socialista non posso accettare la dispersione della sinistra". I sondaggi preferiscono Valls