Mercoledì 20 Dicembre 2017 - 09:00

Morto Law, il cardinale coinvolto nello scandalo dei preti pedofili a Boston

Aveva 86 anni, si era dimesso da arcivescovo della diocesi nel 2002

E' morto a 86 anni a Roma, dopo una lunga malattia, il cardinale Bernard Francis Law. Da vescovo di Boston, tra il 2001 e il 2002 Law finì sotto accusa per aver insabbiato casi di pedofilia da parte di preti nella sua diocesi, emersi grazie a un'inchiesta del Boston Globe che valse al quotidiano americano il Premio Pulitzer di pubblico servizio nel 2003 e aprì a numerose indagini sui casi di pedofilia all'interno della Chiesa cattolica.

LEGGI ANCHE Brasile, suicida in cella prete pedofilo de 'Il caso Spotlight'

Law è stato arcivescovo metropolita di Boston dall'11 gennaio 1984 al 13 dicembre 2002, quando, dopo lo scandalo, fu costretto alle dimissioni. Da titolare della diocesi, non solo non denunciò mai gli episodi di pedofilia di cui venne al corrente, ma non sospese neanche i sacerdoti, limitandosi a spostarli da una parrocchia all'altra.

La vicenda è diventata poi famosa in tutto il mondo anche grazie al film co-scritto e diretto da Tom McCarthy nel 2015 'Il caso spotlight', premio Oscar come miglior film e miglior sceneggiatura originale nel 2016.

Loading the player...

Sotto accusa negli Stati Uniti, nel 2004 il cardinale fu richiamato a Roma e nominato arciprete della Basilica papale di Santa Maria Maggiore a Roma da Giovanni Paolo II, mossa che sollevò un polverone, soprattutto oltreoceano.

Blindato a Roma con passaporto diplomatico della Santa Sede, Law ricoprì diversi incarichi in Vaticano: è stato membro della Pontificio consiglio per la famiglia, della Congregazione per il clero, della Congregazione per i vescovi, della Congregazione per le Chiese orientali, della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, della Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica, della Congregazione per l'educazione cattolica, della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli.

Al suo posto, a Boston, fu nominato Sean Patrick O'Malley, attuale presidente della tormentata commissione antiabusi sui minori creata da Papa Francesco nel 2014 e che ha visto le dimissioni di due membri fondatori, vittime di abusi da parte di preti da bambini (al momento però tutti i membri della commissione sono in scadenza, essendo passati più di 3 anni dalla sua creazione).

Scritto da 
  • Maria Elena Ribezzo
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco in visita a Temuco

Cile, Papa condanna frange estremiste nativi: "No riconoscimento a prezzo vite"

Continua il viaggio di papa Francesco in Cile. Il pontefice ha celebrato la santa messa davanti alle rappresentanze delle popolazioni indigene originarie dell'Araucanìa

Catalogna: si riunisce il nuovo Parlamento

Catalogna, indipendentista Torrent eletto presidente Parlament

È stato eletto con 65 voti a favore e 56 contrari

Russiagate, da Mueller mandato comparizione per Bannon

L'ex capo stratega della Casa Bianca chiamato per testimoniare davanti a un grand jury sui possibili legami fra lo staff di Trump e la Russia durante la campagna elettorale

Papa Francesco in Cile

Cile, altre 3 chiese attaccate all'alba: 9 da scorsa settimana

Gli ultimi attacchi incendiari qualche ora dopo l'arrivo di Papa Francesco.