Domenica 21 Agosto 2016 - 14:15

Morto in carcere il creatore di Backstreet Boys e N'Sync

Lou Pearlman, 62 anni, era stato condannato a 25 anni di prigione per una maxitruffa

I Backstreet Boys

Lou Pearlman, produttore e 'inventore' dei Backstreet Boys e degli N'Sync, è morto in carcere, in Texas. Aveva 62 anni e stava scontando una pena di 25 anni per una maxitruffa. Nel 2006 era stato accusato di aver gestito un fondo di investimenti illegale, indebitandosi per 300 milioni di dollari. Fuggì in Indonesia, ma nel 2007 fu arrestato e, l'anno successivo, condannato invia definitiva a 25 anni per frode. Da tempo era malato.

 

Lou Pearlman

Non sarà stato un uomo d'affari corretto - ha scritto su Twitter Lance Bass, ex membro degli N'Sync, ma oggi non farei ciò che amo senza il suo aiuto". Aaron Carter, il cantante e fratello minore di Nick, stella dei Backstreet Boys, ha scritto: "Lou Pearlman, il mio vecchio manager è morto in prigione ... Rip Lou, non è stato un grande uomo d'affari, ma è lui che mi ha scoperto".

Pearlman fondò i Backstreet Boys in Florida nel 1993, mettendo insieme cinque cantanti sconosciuti e trasformandoli in una grande boy band. Due anni dopo, nel 1995, tentò di replicare l'operazione con gli N'Sync, il gruppo che portò al successo Justin Timberlake.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Artù fa rivivere Rino Gaetano: duetto immaginario su 'Ti voglio'

Molto di più di un semplice brano: "E' un sogno, che va oltre oltre la carriera"

Levante lancia 'Stay Open': collaborazione con Diplo e MØ

Una sfida ambiziosa per il progetto musicale internazionale Tuborg Open, che coinvolgerà anche Russia, Cina, Nepal, Bulgaria e Myanmar

Il ritorno di Malika Ayane: da venerdì in radio 'Stracciabudella'

Il singolo della cantautrice che annuncia il nuovo album

BRIT Awards 2018 - Show - London

Justin Timberlake è disco d'oro: "Say Something" è un successo

Il videoclip ha superato 200 milioni di views su Vevo/YouTube e i 167 milioni di streams