Lunedì 21 Agosto 2017 - 14:15

Morto 'faccia da mostro': fu indagato su stragi di mafia

Aveva 71 anni, stroncato da un malore mentre era in barca

Paolo Borsellino

È morto Gianni Aiello, meglio noto come 'Faccia da mostro', ex poliziotto coinvolto in in alcune vicende giudiziarie nell'ambito della trattativa Stato - mafia. Aveva 71 anni ed è stato stroncato da un infarto mentre si trovava sulla sua barca. Lo scrive il 'Quotidiano del sudì': "Aiello viveva in località Calalunga di Montauro, in provincia di Catanzaro. Ed è qui che è morto mentre stava tirando la sua barca a riva. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e la squadra Mobile per gli accertamenti necessari".

Diversi pentiti lo accusavano di aver avuto un ruolo nei principali delitti di mafia degli anni Ottanta e Novanta, fino alla strage che uccise il giudice Paolo Borsellino in via D'Amelio. Si sarebbe aggirato sulla scena delle strani. Il nomignolo 'Faccia da mostro' era dovuto al suo volto sfigurato da una fucilata. Non è chiaro se sul suo corpo verrà effettuata un'autopsia. 

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Trattativa Stato-mafia, dopo 5 anni di processo arriva la sentenza

Stato-mafia, M5S: "Giornata storica". Berlusconi e Fi pronti a querelare pm

Una sentenza che fa discutere e che rende ancora più aspri i toni dello scontro politico

Papa Francesco in visita ad Alessano

Il Papa sulla tomba di don Tonino, profeta di speranza: "Liberatevi dal potere"

A 25 anni dalla morte del 'vescovo scomodo', l'omaggio di Bergoglio in Puglia

Trattativa Stato-mafia, dopo 5 anni di processo arriva la sentenza

Trattativa Stato-mafia, condannati Dell'Utri, Subranni e Mori. Assolto Mancino

La sentenza: 28 anni al boss Bagarella, 12 all'ex braccio destro di Berlusconi e agli ex Ros

Ascoli, auguri a Hitler su Facebook. Vicepreside si difende: "Post non era riferito a lui"

La denuncia degli Antirazzisti Piceni: "Deve essere coerente con la sua visione malata e criminale del mondo e lasciare il suo ruolo di educatore"