Martedì 04 Aprile 2017 - 21:45

Morto a 92 anni il politologo e sociologo Giovanni Sartori

Il decesso è arrivato per complicazioni respiratorie

Morto a 92 anni il politologo Giovanni Sartori

E' morto per complicazioni respiratorie all'età di 92 anni il politologo e sociologo Giovanni Sartori. Nato a Firenze il 13 maggio del 1924, era Albert Schweitzer Professor Emeritus in the Humanities alla Columbia University di New York  e professore emerito dell'Università di Firenze. Si era laureato in Scienze politiche e sociali a Firenze nel 1946 e negli anni è stato docente in numerose università, oltre che saggista e commentatore dell'attualità politica. In campo accademico, Sartori può essere considerato uno dei principali autori nel campo della Teoria della Democrazia, dei sistemi di partito e dell'ingegneria costituzionale.
Autore di decine di saggi, nel corso della sua attività accademica ha ricevuto otto lauree ad honorem. Sul suo sito internet campeggiava il motto: "Il mondo è diventato così complicato che sfugge alla comprensione anche degli esperti".

Proprio a Sartori si devono i termini per descrivere le leggi elettorali 'Mattarellum' e 'Porcellum', poi entrati nel linguaggio comune, e un'aspra critica della riforma ideata dal governo Renzi. "E' un sistema spagnolo 'bastardo', con un doppio turno che non si capisce a cosa serva e un premio di maggioranza troppo a alto - aveva detto - Italicum proprio non mi va. Sa di treno. Al momento proporrei Bastardellum. Ma si intende che si può trovare di meglio". Caustica anche la definizione che aveva dato del ventennio berlusconiano, che aveva ribattezzato "sultanato".

È stato sposato con la nobildonna Giovanna di San Giuliano e, nell'autunno 2008, si è fidanzato con l'artista Isabella Gherardi, con la quale si è unito a nozze nell'ottobre del 2013. Dal 12 maggio 2016 gli è dedicata una sala nella biblioteca del Senato, alla quale ha donato un importante fondo librario.

Tra i primi a esprimere cordoglio, è stato il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni che ha ricordato Sartori "per la scienza e l'intelligenza corrosiva con la quale questo studioso illustre ha dato mappe e nomi alla politica per provare a ritrovare se stessa".

"Grazie professore, è stato un grande onore conoscerla. Da voce autorevole e indipendente, ha dato lustro al nostro paese", così comincia l'affettuoso saluto del presidente del Senato Pietro Grasso: "E' stato uno dei massimi politologi del nostro tempo, un grande intellettuale che ha dato lustro al nostro paese nelle più prestigiose università al mondo. La sua è stata una voce autorevole e indipendente che ha rafforzato e nutrito l'opinione pubblica. Di lui - prosegue Grasso - mi hanno colpito la passione e la lucidità con le quali ancora affrontava i temi della vita politica. Pochi mesi fa ha donato migliaia di suoi volumi al Senato per metterli a disposizione dei tantissimi studenti e cittadini che frequentano ogni giorno la nostra biblioteca. Grazie professore: è stato un grande onore ascoltare le sue riflessioni, leggere i suoi articoli e studiare i suoi volumi". E il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "E' stato maestro della scienza della politica - spirito libero e indipendente - ha sempre incoraggiato e insegnato la formazione del giudizio critico. La molteplicità delle sedi in cui ha sviluppato ed esposto il suo pensiero - scientifiche, didattiche, giornalistiche - lo ha reso autorevole protagonista del confronto culturale sulle istituzioni, non soltanto in Italia, contribuendo al rigore del dibattito sulla democrazia".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Montecitorio, fiaccolata in memoria di Giulio Regeni a due anni dalla sua morte

Regeni, Salvini vola da Al-Sisi: "Giustizia rapida per Giulio"

Il ministro dell'Interno in Egitto: "Il presidente ha assicurato che sarà fatta chiarezza"

Migranti, altri morti e scontro Open Arms-Salvini. Mattarella invoca 'accoglienza'

Una imbarcazione è affondata al largo del nord di Cipro e il bilancio è di almeno 19 morti. Un'altra nave con migranti a bordo bloccata di fronte alla Tunisia

Commissione Vigilanza Rai. Eletto il Presidente Alberto Barachini

Rai, Alberto Barachini: chi è il nuovo presidente della vigilanza

Giornalista, dal 1999 è cresciuto nella squadra Mediaset. Alle ultime elezioni politiche, Silvio Berlusconi lo ha voluto nella squadra dei candidati azzurri

Giustizia, il ministro Bonafede al Csm

Legittima difesa, Bonafede: "No alla liberalizzazione delle armi". M5S frena

Salvini precisa: "No pistole vendute in tabaccheria. Niente modello americano". Il premier Conte: "No alla giustizia privata"