Martedì 07 Marzo 2017 - 10:30

Morte Kim, la Nord Corea alza il tiro: i malesi non possono uscire

Lo stop fino a quando la sicurezza dei diplomatici e cittadini nordcoreani in Malesia non sarà "pienamente garantita"

Morte Kim, Nord Corea alza il tiro: i malesi non posso uscire

La Corea del Nord ha imposto il divieto di lasciare il Paese a tutti i cittadini malesi, fino a quando la sicurezza dei diplomatici e cittadini nordcoreani in Malesia non sarà "pienamente garantita". Ad annunciarlo è l'agenzia di stampa Kcna. L'avviso è stato emanato dal ministero degli Esteri di Pyongyang, che ha informato della decisione l'ambasciata malese.

LEGGI ANCHE  Trump: Impegno Usa contro grave minaccia test missilistici da Pyongyang

I cittadini malesi "potranno lavorare e vivere normalmente nelle stesse condizioni e circostanze come prima", hanno fatto sapere le autorità, aggiungendo che la misura resterà attiva fino a quando il caso dell'omicidio di Kim Jong-nam, fratellastro del leader Kim Jong-un morto il 13 febbraio all'aeroporto di Kuala Lumpur, non sarà risolto "in modo adeguato".

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

AUT, Österreich bereitet Grenzkontrollen zu Italien vor

Migranti, Austria invierà 70 soldati al Brennero

I militari non verranno schierati, né saranno dispiegati carri armati: serviranno ad aiutare nei controlli

Nord Corea, Trump: Da Kim decisione saggia, alternativa era catastrofe

Corea, Trump: Decisione saggia di Kim, alternativa era catastrofe

Kim ha deciso di "osservare per un po'" il comportamento Usa prima di intraprendere la minacciata offensiva contro Guam

Nuove accuse per Polanski, donna denuncia: "Abusò di me a 16 anni"

Terza donna accusa Polanski: "Abusò di me a 16 anni"

I fatti risalirebbero a 40 anni fa e sono prescritti

Venezuela, liberato il violinista icona delle proteste anti Maduro

Venezuela, liberato il violinista icona delle proteste anti Maduro

Negli ultimi giorni alcuni familiari avevano denunciato che durante la detenzione era stato torturato