Martedì 01 Novembre 2016 - 09:45

Addio a Tina Anselmi, la prima donna ministro della Repubblica

Guidò la commissione parlamentare sulla Loggia massonica P2. Aveva 89 anni, fu partigiana e sindacalista

Morta Tina Anselmi, la prima donna ministro della Repubblica

E' morta la scorsa notte nella sua casa di Castelfranco Veneto, dopo una lunga malattia, Tina Anselmi: fu la prima donna a ricoprire la carica di ministro all'interno della Repubblica Italiana. Fu infatti lei, nel 1976, a essere nominata titolare del Ministero del Lavoro nel governo Andreotti. Partigiana e più volte parlamentare nelle fila della Democrazia Cristiana, aveva 89 anni. Dopo essere stata ministra del Lavoro fu anche ministra della Sanità ma la sua figura è particolarmente legata alla Commissione parlamentare di inchiesta che, nel 1981, lavorò sulla loggia massonica P2.

LEGGI ANCHE Tina Anselmi, la staffetta partigiana col cuore vicino alle operai

UNICA TRA UOMINI. L'ultimo omaggio pubblico per lei è stato un francobollo, verrà emesso il 2 giugno, in occasione della festa della Repubblica. Le foto in bianco e nero che rimandano a un passato di lotta e di governo la ritraggono, unica tra tanti uomini, sempre pacata e sorridente. Ed è così che se ne è andata, mentre continuava a vivere una vita normale, in una casa normale nel suo amato Veneto.

L'AVVERTIMENTO. In un recente documentario di Anna Vinci intitolato 'Tina Anselmi, la grazia della normalità", Anselmi dice: "Dico alle mie nipoti: attente, fate la guardia. Perché le conquiste non sono mai definitive". E ancora: "Quando le donne si sono impegnate nelle battaglie, le vittorie sono state vittorie per tutta la società. La politica che vede le donne in prima linea è politica di inclusione, di rispetto delle diversità, di pace".
 

La notizia della morte di Tina Anselmi ha subito suscitato un moto di cordoglio in tutto il Paese. Tanti i ricordi dei politici che hanno speso parole di affetto e in memoria della prima ministra italiana della storia. Tra le prime a scrivere su Twitter la ministra per le Riforme costituzionali e il rapporto con il Parlamento Maria Elena Boschi. "'Capii allora che per cambiare il mondo bisognava esserci'. Tina Anselmi c'è stata e il mondo lo ha cambiato", ha scritto attorno alle 9.30. "Partigiana, parlamentare, prima donna ministra, creò il Servizio Sanitario Nazionale. L'Italia deve tanto a #TinaAnselmi", scrive invece la ministra della Pubblica amministrazione Marianna Madia.

Sentito anche il ricordo della presidente della Camera Laura Boldrini: "Partigiana, prima donna ministra, inflessibile avversaria dei poteri occulti. Con #TinaAnselmi se ne va una madre della democrazia italiana". 

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Consip, Renzi: Voglio sentenza veloce, non cediamo parola onestà

Consip, Renzi: Voglio sentenza veloce, non cediamo parola onestà

"Gli altri politici quando hanno un problema lo nascondono"

Migranti, Corte Conti Ue: In Italia strutture inadeguate

Migranti, Corte Conti Ue: In Italia strutture inadeguate

"Il sistema basato su hotspot ha consentito progressi"

Divisioni nel giorno del 25 aprile, Mattarella: Mai più fascismo e mai più guerre

25 aprile, Mattarella: Ricordiamo senza odio e senza rancore /FOTO

A Roma il ricordo della Liberazione sfila in cortei divisi. A Milano tensioni tra antifascisti e militanti di destra

Liberazione, Mattarella ricorda i 5mila volontari della Brigata Ebraica

Liberazione, Mattarella ricorda i 5mila volontari della Brigata Ebraica

Nel corso delle celebrazioni del 25 aprile nel teatro comunale di Carpi