Sabato 15 Luglio 2017 - 16:00

Morta Mirzakhani, prima donna a ricevere 'Nobel matematica'

La scienziata, 40 anni, soffriva di un tumore al seno

Morta Maryam Mirzakhani, prima donna a ricevere 'Nobel matematica' - Foto tratta dal profilo Instagram di Firouz Naderi

E' morta negli Stati Uniti a 40 anni Maryam Mirzakhani, la prima donna insignita della prestigiosa medaglia Fields per la matematica. La scienziata soffriva di un tumore al seno, che si era diffuso alle ossa. Mirzakhani aveva ottenuto nel 2014 il premio, soprannominato 'Nobel della matematica' e consegnato ogni quattro anni a matematici under-40. Le era stato conferito per le sue ricerche su geometria complessa e superfici iperboliche. A dare la notizia della morte sono stati i familiari e amici della matematica, tra cui lo scienziato della Nasa Firouz Naderi, che ha scritto su Instagram: "Una luce si è spenta oggi, mi spezza il cuore".

 

 

A genius? Yes. But also a daughter, a mother and a wife.

Un post condiviso da Firouz Naderi (@firouz_michael_naderi) in data:

 

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Isabell e Preble: morire insieme dopo 71 anni di matrimonio

Una storia americana: si sposarono nel 1946, hanno vissuto sempre vicini e se ne sono andati a poche ore di distanza l'uno dall'altra

The Argentine military submarine ARA San Juan and crew are seen leaving the port of Buenos Aires

Argentina, rilevata 'anomalia idroacustica' nel luogo della scomparsa del sottomarino

Un "rumore" è stato registrato circa tre ore dopo l'ultima comunicazione avuta con il mezzo disperso dal 15 novembre

Ratko Mladic

Chi è Ratko Mladic: 'macellaio' di Srebrenica e assedio Sarajevo

L'ex generale è stato condannato per genocidio e crimini contro l'umanità

Victims and their family members watch a television broadcast of the court proceedings of former Bosnian Serb general Ratko Mladic in the Memorial centre Potocari near Srebrenica

Srebrenica: Mladic condannato all'ergastolo, ma farà ricorso

Era l'ultimo grande accusato per il suo ruolo nella guerra in Bosnia, conflitto che causò almeno 100mila morti