Martedì 25 Ottobre 2016 - 19:15

Morta di parto a Catania, il marito: Avevo famiglia, ora non ho niente

Valentina Milluzzo è deceduta la scorsa settimana dopo un doppio parto abortivo al Cannizzaro

Morta di parto a Catania, il marito: Avevo famiglia, ora non ho niente

"Io oggi dovevo avere una famiglia, dovevo avere una moglie e una bambina. Ora non ho più niente. Ci sembra ingiusto che una persona entri in ospedale sana e piena di vita e ne esca morta". A 'La vita in diretta' parla Francesco Castro, marito di Valentina Milluzzo, morta la scorsa settimana dopo un doppio parto abortivo all'ospedale Cannizzaro di Catania.

Castro ha poi fornito la sua versione sulle ultime ore di vita della moglie, in contrasto rispetto a quanto emerso dall'indagine degli ispettori del ministero: "Quel giorno, il 29, ci viene detto che uno dei gemelli era un maschietto e l'altra una femminuccia. Poco dopo ci viene riferito del problema dell'utero aperto. Ci siamo precipitati per vedere cosa stesse succedendo, e abbiamo visto Valentina che si torceva del dolore. Io ho visto solo l'infermiera e le ho chiesto dove fosse il dottore. Lei ha risposto dicendo che il sabato e la domenica il medico non era disponibile".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Acido, 20 anni a Martina per tutti gli episodi contestati

Coppia acido, 20 anni a Martina per tutti gli episodi contestati

Condannato a 9 anni e 4 mesi il 'basista' della banda Andrea Magnani

Avetrana, su 'Giallo' in esclusiva il diario di Sarah Scazzi

Avetrana, su 'Giallo' in esclusiva il diario di Sarah Scazzi

Oggi la Cassazione ha confermato l'ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano

Omicidio Varani, Foffo condannato a trent'anni

Omicidio Varani, Foffo condannato a 30 anni con rito abbreviato

Marco Prato, l'altro imputato, sarà giudicato con rito ordinario

Indagine Consip, slitta a marzo l'interrogatorio di Tiziano Renzi

Indagine Consip, slitta a marzo l'interrogatorio di Tiziano Renzi

L'atto istruttorio era inizialmente previsto per giovedì 23 febbraio