Sabato 25 Novembre 2017 - 14:30

Monza, colpito alla testa mentre litiga con la ex: muore 43enne

Stando alla prima ricostruzione la donna lo avrebbe colpito per difendersi

Roma, ambulanza transita in città

Un uomo di 43 anni, italiano, è morto a Cogliate, in provincia di Monza e Brianza, colpito alla testa con un oggetto contundente mentre litigava con la ex fidanzata, connazionale di 37 anni. È successo sabato mattina in via Mascagni 9.

Stando alla prima ricostruzione, l'uomo si sarebbe recato a casa della ex, che lo avrebbe colpito per difendersi. Il 43enne, colpito probabilmente con un martello, si è accasciato a terra. È stata la 37enne, secondo quanto si apprende, a chiamare i soccorsi, intervenuti sul posto. I tentativi di rianimazione sono stati vani.

La coppia ha condiviso l'abitazione di Cogliate per due anni. Ultimamente i due hanno deciso di separarsi. La ex è stata portata in caserma: per ora nessun provvedimento è stato preso contro di lei. Il 43enne ha ricevuto più colpi alla testa. In passato la donna avrebbe subito maltrattamenti dal compagno, ma non risultano denunce.

I carabinieri stanno ricostruendo la dinamica dei fatti anche grazie alle testimonianze dei vicini di casa.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Ritrovato in una cascina il corpo di Manuela Bailo

Scomparsa a Brescia, confessa l'ex amante: "L'ho uccisa io"

Appena tornato dalle vacanze in Sardegna ha portato gli inquirenti sul luogo dove ha sepolto il corpo ad Azzanello. Della donna non si avevano più notizie dal 29 luglio

Mamma no vax falsifica documenti sui vaccini: si vanta su Fb, denunciata

Nella conversazione spiega compiaciuta il 'trucchetto' con cui ha ingannato l'asilo di Esine (Brescia)

Sub muore nel lago di Como, grave il compagno d'immersione

La vittima ha 47 anni. Il secondo sommozzatore, anch'egli 47enne, è ricoverato al Niguarda

Lombardia, contraccettivi gratis per gli under 24 nei consultori

L'ordine del giorno mira a sostenere la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili e la procreazione responsabile