Sabato 09 Dicembre 2017 - 16:00

Monza, avvelenati col tallio perché "impuri": Del Zotto risponde per 2 ore al gip

Il 27enne ha ucciso i nonni paterni e materni e una zia

Milano, risolto dai carabinieri il giallo del tallio

Ha risposto per due ore alle domande del gip di Monza Federica Centonze, Mattia Del Zotto, il 27enne di Nova Milanese che ha ucciso i nonni paterni e una zia avvelenandoli con il tallio. Del Zoppo, difeso dall'avvocato Silvia Lareti, ha anche avvelenato altri cinque persone della cerchia familiare, tra cui i nonni materni. A suo dire erano tutti "impuri". Per questo il ragazzo, che da mercoledì è guardato a vista nel carcere di Monza, li voleva eliminare. In un primo momento aveva cercato di procurarsi dell'arsenico, poi è passato al tallio.

A dargli l'idea probabilmente sono stati una serie di casi di avvelenamento con la sostanza chimica un tempo contenuta nei topicidi, avvenuti quando era un bambino a Varmo, il paese di origine dei Del Zotto in provincia di Udine, dove la famiglia trascorreva le estati. Il 27enne ha cercato di comprare la sostanza da sei diverse ditte, prima di riuscire ad acquistarla dalla stessa impresa di Padova che nel 2014 aveva venduto l'acido ad Andrea Magnani, complice nei blitz di Martina Levato e Alexander Boettcher. Una coincidenza, certo, che però fa riflettere.

A tradire il giovane di Nova Milanese sono state le email scambiate con il personale della ditta padovana e le ricevute, salvate nelle bozze di un account che aveva aperto a nome di Davide Galimberti. Decisive sono state anche le celle che il suo telefonino ha agganciato il 16 settembre scorso, quando, con la scusa di un colloquio di lavoro, è andato a Padova per recuperare il tallio, pagato in contanti per non lasciare tracce.

Quel viaggio è stato un evento eccezionale nella vita dell'ex magazziniere, che da due anni si era praticamente chiuso in casa. Aveva eliminato dalla sua stanza tutto quello che non era 'essenziale', mangiava poco, niente alcol nè dolci. Non toccava il telecomando, non guidava, non voleva il riscaldamento in inverno. Aveva chiuso con amici e parenti e aveva lasciato la palestra. La sua unica finestra sul mondo, a quanto hanno raccontato i genitori ai carabinieri, era il computer, protetto dalla password "gloriosoDio". Passava ore e ore su Internet e, in base ai racconti della mamma, si era avvicinato a una "specie di setta" chiamata Concilio Vaticano II.

Il ragazzo, invece, ha spiegato agli inquirenti che da tre anni sta approfondendo la religione ebraica. Anche mercoledì sera, appena varcata la soglia del carcere, ha subito chiesto alcuni libri per continuare a studiare, volumi che però non ci sono nella biblioteca del carcere. Gli è stata data una Bibbia. Viste le condizioni di Del Zotto, la direttrice del carcere di Monza, Maria Pitaniello, ha deciso con il procuratore Luisa Zanetti e con il pm Carlo Cinque, titolare del fascicolo, di sottoporlo non solo a un regime di sorveglianza intensivo, ma anche a un monitoraggio continuo da parte degli psichiatri della struttura per valutare il suo stato di salute mentale. Ci sarà, quindi, un lavoro d'équipe tra medici, agenti della polizia penitenziaria e la direzione del carcere per accertare quali siano effettivamente le sue condizioni, per poi inserire il 27enne nella vita carceraria.

Quando i carabinieri sono arrivati nella villetta di via Fiume a Nova Milanese, dove abitava con i genitori, Del Zotto ha ammesso tutto e ha aiutato i militari a trovare i cinque flaconi di tallio che non aveva ancora usato (in tutto ne aveva comprati sei). Poi aveva sottolineato: "Non capirete mai perché l'ho fatto". Oggi, invece, ha accettato di parlare, anche se per poco tempo, con il gip Francesca Centonze, che ha firmato l'ordinanza di custodia cautelare per il triplice omicidio e i cinque tentati omicidi, contestandogli anche l'aggravante della premeditazione.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Fontane prese d'assalto dai turisti

Cambia il clima: gli ultimi tre anni tra i più caldi di sempre

Uno studio OMM. Anche il 2017 si colloca ai livelli degli altri due confermando una tendenza. Forte il riscaldamento Artico

Milano, presidio memoria lavoratori della Lamina

Milano, incidente sul lavoro in un'azienda: morto il quarto operaio

Era sopravvissuto ma è rimasto in condizioni critiche per giorni. Nella disgrazia hanno perso la vita altri tre colleghi: uno era il fratello

"Fate troppo chiasso": sacerdote picchia bimbi durante l'ora di catechismo

E' accaduto in una parrocchia di Dragona (Roma Sud). Il religioso è stato denunciato

Nave Aquarius soccore barcone di migranti al largo della costa libica

Migranti, ancora emergenza nel Mediterraneo, muore bimbo di tre mesi

La ong Proactiva Open Arms: "Desolazione, rabbia, impotenza". Soccorse 256 persone