Venerdì 27 Aprile 2018 - 12:00

Chiara e Marco, agricoltori per scelta dalla Terra del Fuoco alle Marche

Trevigiana lei, veronese lui, sono arrivati a Smerillo dopo un lungo viaggio in Sud America

Tornare alla madre. Questo significa Amargi, parola sumera che per prima ha espresso il concetto di libertà e che Chiara e Marco hanno scelto per battezzare il loro agriturismo su uno sperone roccioso a metà strada tra i monti Sibillini e il mar Adriatico.

Smerillo ha 360 abitanti, 3 musei, ettari ed ettari di campi. Non è per tutti. E ai giovani che vorrebbero andarsene, anche dopo il terremoto del 2016, sembra strano che qualcuno lo abbia scelto per portare avanti un progetto fatto di frutteti di mele rosa, erbe officinali e api.

“Alcuni ragazzi di qui non capiscono. Coltivano perché è un lavoro di famiglia: si sentono obbligati a restare. Vederci arrivare e fare gli agricoltori li stranisce: pensano che non siamo tanto normali”, racconta Chiara Russo, 33 anni, una laurea in scienze politiche, trevigiana di nascita, bolognese di adozione e marchigiana per scelta. Nel mezzo un servizio civile internazionale in Bolivia con Marco Mani, coetaneo veronese e filosofo, poi un viaggio in furgone da La Paz fino alla Terra del Fuoco, per più di metà del Sud America. E la decisione di tornare in Italia e fare gli agricoltori, perché “volevamo uno stile di vita sostenibile e a basso impatto ambientale”.

Sono serviti due anni per trovare il posto giusto: “Abbiamo girato il paese in lungo e in largo, mentre divoravamo letteratura agronomica e imparavamo a lavorare nei campi, di cui sapevamo poco e nulla”, ride Chiara. Poi per caso, una volta appresi i principi della permacultura e dell’agricoltura naturale, sono arrivati a Smerillo. Ne sono rimasti affascinati e hanno trovato la loro casa. Otto ettari e mezzo, di cui la metà bosco, e un casale, abbandonati da 15 anni. “Certo non era così com’è adesso. Abbiamo dovuto lavorare sodo per sistemare l'edificio e i campi, alcuni in dissesto idrogeologico, altri esausti da colture intensive”.

Nel 2015 Chiara e Marco hanno inaugurato Amargi: un orto, le galline, ma soprattutto 60 alberi di mele rosa da cui fanno marmellata e succo, 50 casine di api per il miele, ogni anno diverso in base alle fioriture, e 6mila piante officinali tra lavanda, timo, rosmarino, salvia, elicriso e issopo per gli oli essenziali.

Tutto rigorosamente prodotto nel laboratorio al piano terra che ospita anche un distillatore e un torchio idraulico. Quando poi è tutto imbottigliato si va in giro per mercati a trovare clienti e far conoscere i prodotti, che vendono anche con l’e-commerce.

Al primo piano hanno ricavato anche tre stanze per chi è in cerca di una vacanza all’insegna della natura, del relax e della bellezza: i sentieri dei monti Sibillini sono a due passi e chi vuole può dare una mano nel lavoro di tutti i giorni.

“Non è sempre facile, per me che sono nata in città, vivere in un posto così tranquillo e con così poche persone”, ammette Chiara. “Ma è bello prendersi cura di un luogo”.

Scritto da 
  • Paola Rosa Adragna
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Presentazione di Eurosky Tower, primo grattacielo della capitale

Stadio Roma, si lavora sul telefono di Lanzalone. Scarcerato braccio destro di Parnasi

Non si ferma il lavoro degli inquirenti. Caporilli aveva ammesso la dazione di alcune somme di denaro ad almeno un funzionario responsabile dei pareri al progetto

Firenze, trova 2 aghi per cucire dentro alla mozzarella comprata al supermercato

Il lotto del latticino a marchio 'Mukki' è stato ritirato dal commercio in via cautelativa. Carabinieri e Nas indagano

Maturità 2015 - seconda prova degli esami

Maturità, la seconda prova scritta: Aristotele per greco al classico e studio di funzione allo scientifico

Tra le tracce un brano tratto dall'Etica Nicomachea e un problema sul meccanismo di produzione delle mattonelle