Mercoledì 12 Ottobre 2016 - 10:00

Montella: Il Milan può crescere e non invidio l'Inter

"Mi fa piacere avere tanta fiducia attorno a me" dice il tecnico rossonero

 Montella: Il Milan può crescere e non invidio l'Inter

 "Mi fa piacere avere tanta fiducia attorno a me e al mio lavoro. Il Milan può crescere: io cerco di creare un clima di leggerezza": Vincenzo Montella, in una intervista rilasciata al Corriere della Sera, racconta i suoi primi mesi da allenatore rossonero. Dalla lunga chiacchierata traspare un ottimismo di fondo: "Non invidio l'Inter perché ha già risolto il suo assetto societario: non ci penso proprio. Abbiamo un numero di energie limitate e cerco di non sprecarle, mi concentro solo sull'aspetto tecnico", ha aggiunto Montella.
"La parte più divertente della stagione è il ritiro precampionato: lì puoi allenare senza l'assillo del risultato", ha detto, confessando poi che "casa mia è a Roma da 15 anni" e che Catania è stata il suo trampolino come allenatore. Un passaggio anche su Donnarumma, al centro di molti desideri: "Raiola fa il suo mestiere, poi ci penserà la società".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il sogno di Berlusconi: Ibrahimovic è un vecchietto, però vorrei rivederlo al Milan

Berlusconi: Ibra è un vecchietto, ma vorrei rivederlo al Milan

L'ex presidente rossonero su Donnarumma: "E' un problema grande, io l'avrei convinto a restare"

Bacca sicuro: Resto al Milan, ho tre anni di contratto

Bacca sicuro: Resto al Milan, ho tre anni di contratto

L'attaccante colombiano: "Io sono tranquillo e sono felice qui"

Calciomercato, Inter più vicina a Borja Valero. Stop Milan-Perin

Calciomercato, Inter più vicina a Borja Valero. Stop Milan-Perin

Sempre viva la questione Donnarumma. E' virtualmente chiuso anche il rapporto tra Dani Alves e la Juventus

Curva Sud Milan a Donnarumma: Può rifarsi ma mandi via Raiola

Curva Sud Milan a Donnarumma: Può rifarsi ma mandi via Raiola

"Ci appare strano che un così bravo agente sia stato in grado di non fare l'interesse del suo assistito"