Domenica 24 Luglio 2016 - 16:00

Monaco, il killer preparava l'attacco da un anno

Lo rivelano gli investigatori. Il 18enne aveva scritto un manifesto

Monaco, spari in centro commerciale

Il tedesco-iraniano che a Monaco ha ucciso nove persone prima di suicidarsi si preparava da un anno a compiere l'attacco. Lo ha dichiarato uno degli investigatori, Robert Heimberger, confermando che un anno fa il 18enne visitò i luoghi della strage di Winnenden. Il ragazzo, ha precisato, ha scritto "un manifesto" che è in corso di analisi.

Il giovane inoltre era in cura psichiatrica per ansia e depressione, e in casa aveva farmaci che tuttavia non è noto se stesse assumendo, ha dichiarato la procura tedesca, fornendo nuovi dettagli sulle indagini sulla strage. Le autorità hanno confermato che non è stata rilevata "nessuna motivazione politica" e che il killer non ha scelto le sue vittime, né sulla base della nazionalità, né per qualsiasi altro motivo.

L'investigatore bavarese Robert Heimberger ha rivelato inoltre che il padre di Ali David Sonboly riconobbe il figlio nei primi video circolati su internet e avvertì la polizia. L'uomo si era presentato in un commissariato di polizia per comunicare i propri sospetti.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Bruxelles, Mark Zuckerberg al parlamento europeo

Facebook, Zuckerberg si scusa all'Ue. "No ingerenze in future elezioni"

Il fondatore del social network al Parlamento europeo. Tajani: "Monitoreremo"

Donald Trump riceve il presidente sudcoreano Moon Jae-in alla Casa Bianca

Nord Corea, Trump: "Possibile un rinvio del vertice con Kim"

L'incontro tra il presidente Usa e il leader nordcoreano è fissato per il 12 giugno a Singapore

Usa, il senato conferma Gina Haspel come direttore della CIA

Dazi, dopo la pace con gli Usa la Cina taglia tariffe su import auto

E intanto si avvicina la data in cui anche l'Unione Europea saprà la decisione di Trump

Siria, sette anni di guerra civile

Iraq, jihadista belga condannato a morte per appartenenza all'Isis

Nella prima udienza presso il tribunale di Baghdad si era dichiarato innocente