Venerdì 15 Gennaio 2016 - 16:30

Molestie in piscina a Bornheim: vietato ingresso ai rifugiati

Il sindaco, Wolfgang Henseler, ha commentato l'accaduto dicendo che "dopo i fatti di Colonia niente è più lo stesso"

Manifestazione anti-immigrati dopo i fatti di Colonia

La città tedesca di Bornheim, vicina a Bonn, ha vietato l'accesso alla piscina comunale ai richiedenti asilo maschi, dopo che frequentatori e personale della struttura hanno denunciato molestie sessuali. Lo hanno confermato le autorità locali della cittadina, in cui vivono circa 47mila persone. Il responsabile degli Affari sociali della zona, Markus Schnapka, ha fatto sapere che giornate informative si terranno nei tre centri rifugiati vicini alla piscina. "Lo diciamo chiaramente: i nostri valori in materia di uguaglianza tra i sessi in Germania non possono essere messi in dubbio", ha detto. Ha aggiunto che non ci sono state denunce formali e che i casi rilevati riguardano molestie verbali.

Il sindaco di Bornheim, Wolfgang Henseler, ha commentato il problema ai media locali dicendo che "dopo i fatti di Colonia niente è più lo stesso", in riferimento alle aggressioni sessuali e ai furti ai danni di donne durante la notte di Capodanno. Ieri risultavano registrate 652 denunce, 331 per reati sessuali, mentre tra i sospetti sinora identificati ci sono richiedenti asilo e immigrati illegali. Gli stessi fatti ieri hanno portato la cittadina renana di Rheinberg a cancellare la tradizionale sfilata di carnevale, che sarebbe dovuta passare davanti a un centro che ospita rifugiati.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Spagna, Palma vieta affitto di appartamenti a turisti dopo proteste residenti

Il divieto dopo vari studi che hanno rivelato che solo 645 degli 11mila avvenivano con le adeguate licenze

Parigi, meeting annuale Vivendi 2018

Francia, Bolloré in stato di fermo per corruzione: avrebbe pagato tangenti in Africa

Il miliardario, primo azionista di Vivendi, sarebbe implicato in una vicenda legata a concessioni portuali in Togo e Guinea

A Toronto un furgone piomba sul marciapiede travolgendo i passanti

Strage a Toronto, furgone travolge pedoni: 10 morti. Arrestato autista 25enne incensurato

Il giovane al volante è piombato sul marciapiede della Yonge Street. Ancora da capire il movente

Caso Alfie Evans: alta tensione e proteste davanti all’ospedale di Liverpool

Alfie, vivo dopo 11 ore senza macchine: "Gli hanno riattaccato l'ossigeno"

Il bimbo britannico è affetto da una grave malattia neurodegenerativa e i giudici hanno deciso di spegnere i macchinari che lo tenevano in vita