Martedì 21 Novembre 2017 - 23:45

Molestie, il capo della Pixar John Lasseter lascia per sei mesi: "Chiedo scusa"

Due collaboratori a "Toy Story 4" avrebbero lasciato il progetto dopo una serie di avances non gradite

FILE PHOTO: John Lasseter Chief Creative Officer of Walt Disney and Pixar Animation Studios during the North American International Auto Show in Detroit

Lo scandalo delle molestie sessuali in America travolge anche la Disney.

Il capo creativo della Pixar e degli studi di animazione Disney, John Lasseter, si è messo in aspettativa citando una serie di "passi falsi" da lui compiuti.

“Voglio scusarmi con chiunque abbia mai ricevuto abbracci indesiderati o qualsiasi altro gesto che ha oltrepassato la soglia. Non importa quanto benevolo fosse il mio intento, ognuno ha il diritto di stabilire i propri limiti e farli rispettare”, si legge in un memo ai dipendenti Pixar che Hollywood Reporter pubblica integralmente.

Fonti anonime hanno raccontato all'Hollywood Reporter che Rashida Jones sceneggiatrice in Toy Story 4, nonché attrice, e il suo socio di scrittura Will McCormack, avevano lasciato il progetto appena all'inizio proprio a causa delle advances indesiderate di Lasseter. Il direttore creativo della Pixar e dei Walt Disney Studios, considerato il moderno Walt Disney (ha creato Toy Story e prodotto da Frozen a Inside Out), era noto per "abbracci, baci, commenti sugli attributi fisici", non desiderati.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Photocall del film Ant-Man and The Wasp

"Ant-man and The Wasp" apre Giffoni 2018, Lilly e Rudd: "Parità dei sessi e sguardo ai bimbi in questo Marvel"

Il secondo film dedicato al più piccolo dei supereroi arriverà nelle sale italiane ad agosto

Festival di Venezia 2016

"First Man" aprirà Venezia 75: Chazelle e Ryan Gosling ancora insieme dopo "La La Land"

La storia della missione della Nasa per far sbarcare l'uomo sulla Luna

 Johnny Depp riceve da Joe Perry il Kerrang Inspiration Award.

Johnny Depp raggiunge l'accordo con ex manager: non si andrà a processo

L'attore ha accusato The Management Group di aver gestito male le sue finanze, ma per la società era lui a fare 'spese pazze'