Mercoledì 08 Novembre 2017 - 12:00

Modena, foto hot di 60 adolescenti su Whatsapp finiscono in rete

Un gioco intimo tra ragazze diventato una gogna: scatti e video con nome e cognome caricati online

WhatsApp privacy policy change

Un gruppo tra amiche dove scambiarsi foto provocanti, scatti nude o poco vestite, video di autoerotsimo. Un luogo sicuro in cui lasciarsi andare, tra ragazze, senza tabù. Uno spazio virtuale che si è trasformato in un incubo. 

Per 60 adolescenti di Modena, iscritte nelle scuole superiori sella città, un gioco intimo è diventato una gogna. Come riporta il Quotidiano Nazionale, una di loro però ha tradito la fiducia del gruppo e ha condiviso le centinaia di immagini con un amico o un fidanzato. Che ha catalogato tutto, per nome e cognome, e messo in rete. Le foto iniziano a girare sul web e sui telefoni dei compagni di classe. Le ragazze fanno dei controlli e scoprono che è tutto vero.

Il fidanzato di una delle studentesse si rivolge a un'associazione anti-pedofilia "La Caramella Buona" e il suo presidente Roberto Mirabile avvisa la polizia postale di Reggio Emilia, ma senza denuncia formale dei genitori non si può procedere. La vergogna di ammettere a mamma e papà quanto accaduto è tanta, ma qualcuna di loro ha inziiato a parlare e le indagini potrebbero partire a breve.

Loading the player...
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Presunti abusi nel collegio dei chierichetti: il Vaticano apre una nuova indagine

Nuova inchiesta sul preseminario 'San Pio X'. Il tema scottante affrontato nel nuovo libro di Nuzzi

Sole e nuvole nel weekend: il meteo del 18 e 19 novembre

Le previsioni per sabato e domenica. Allerta arancione in Calabria

Parma, l'Ospedale Maggiore dove è morto Toto Riina

Taranto, carabiniere uccide sorella, cognato e padre e si spara: è grave

La tragedia è avvenuta in una strada centrale del paese, a Sava. Lite in famiglia: il militare è in fin di vita

Papa Francesco all'Udienza Generale del mercoledi' in Piazza San Pietro

Papa: "La scienza ha dei limiti da rispettare. Serve responsabilità etica"

Il pontefice: "Tutti devono beneficiare del diritto alla tutela della salute"