Giovedì 12 Ottobre 2017 - 13:30

Gucci dice addio alle pellicce: stop dal prossimo anno

La giacenza di abiti e accessori con inserti di pelliccia sarà messa all'asta per beneficenza

Cina, fiera di pellicce e prodotti di pelle a Pechino

Dal 2018 sulle passerelle di Gucci non sfileranno più pellicce vere. Lo ha annunciato oggi la casa di moda, seguendo così il trend di altri marchi di lusso che hanno ceduto alle pressioni delle associazioni animaliste e al nuovo gusto dei consumatori. Gucci, che fa parte del polo del lusso Kering, con sede a Parigi, in passato ha fatto sfilare modelle in pelliccia e lo stesso direttore creativo Alessandro Michele due anni fa ha sfoggiato scarpe ricoperte di pelliccia di canguro. La casa di moda - che ha venduto pellicce di visone a un prezzo di 40mila dollari - ha precisato che la giacenza di abiti e accessori con inserti di pelliccia sarà messa all'asta per beneficenza. La prima sfilata 'no fur' sarà quella della primavera-estate 2018.

Lo scorso giugno, Yoox Net-A-Porter, rivenditore online di brand di lusso, ha adottato una politica aziendale che vieta la vendita sul sito di indumenti o accessori di pelliccia. Anche Giorgio Armani si è impegnato a interrompere la produzione di vestiti di pelliccia, spiegando che il progresso tecnologico non giustificava più la crudeltà verso gli animali, decisione presa nel lontano 1994 anche da Calvin Klein.

 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, ultimi preparativi per la Prima della Scala

Scala, oggi la prima con il ritorno dell'Andrea Chénier e Anna Netrebko

La protagonista è Anna Netrebko, considerata da molti una nuova Callas

Attesa a Napoli per la pizza patrimonio immateriale dell'Unesco

Unesco, l'arte della pizza diventa patrimonio dell'umanità

Un riconoscimento a lungo atteso, che premia i pizzaiuoli, il loro lavoro, la loro identità

Miss Mondo 2017 è l'indiana Manushi Chhillar, studentessa di medicina

Il suo sogno è quello di aprire una catena di ospedali per le aree più povere del suo paese

La Guida Michelin 'boccia' Cracco: il ristorante di Milano perde una stella

Tre stelle al St. Hubertus di Norbert Niederkofler a San Cassiano in Val Badia