Venerdì 17 Marzo 2017 - 10:15

Minzolini: Cosa direbbe Di Maio a esser condannato da avversario politico?

"Cosa direbbe se fosse giudicato da Anna Finocchiaro che torna in magistratura dopo l'esperienza politica?"

Minzolini: Cosa direbbe Di Maio a esser condannato da avversario politico?

"Ero pronto a bere la cicuta". Ironizza, in un'intervista al Messaggero, il senatore di Forza Italia Augusto Minzolini, dopo che il senato ha votato contro la sua decadenza. "Non me lo aspettavo proprio. Ero convinto che mi avrebbero fatto decadere", spiega Minzolini, "mi dimetto anche perché non mi va di ascoltare poi la solita solfa, la solita storia, quelli che gridano: vuole restare appiccicato alla poltrona! Variante: punta alla pensione pagata con i soldi nostri. A me invece di queste cose non importa affatto. Scrivo la lettera e mi dimetto". "Mi ha colpito il fatto che è stato un voto non di schieramento. Ognuno si è espresso secondo la propria coscienza. E lo ha fatto con voto palese e non nel segreto dello scrutinio", continua Minzolini, "che cosa direbbe Di Maio, se fosse giudicato da Anna Finocchiaro, che torna in magistratura dopo l'esperienza politica? Troverebbe giusto Di Maio essere condannato da una figura così, che ha fatto questi passaggi come se nulla fosse?".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Piazza Montecitorio - Manifestazione del M5S contro il Rosatellum

M5S, Morra: "Alleanze? Chi vuole combattere per nostro programma ben venga"

Il senatore commenta le parole di Beppe Grillo e ribadisce la linea di Di Maio, senza escludere dunque apporti esterni dopo il voto

Liliana Segre, reduce di Auschwitz

Chi è Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto e nuova senatrice a vita

Vittima delle leggi razziali del fascismo, il 30 gennaio 1944 venne deportata con il padre in Germania e poi al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz

Porta a porta, ospiti Danilo Toninelli e Matteo Orfini

Pd, Orfini: "LeU? Evitiamo scenari confusi alla D'Alema. No larghe intese"

Per il presidente del Partito democratico Renzi è la prima scelta per palazzo Chigi, senza escluderne però altri. E l'obiettivo da raggiungere alle urne è il 25%

Milano, convegno "Fare pace è un'impresa"

Olocausto, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Sopravvissuta ai campi di concentramento, ha ricevuto la carica per il suo impegno nel campo sociale