Giovedì 07 Luglio 2016 - 09:00

Ministra Giustizia Usa conferma: Clinton non incriminata su mailgate

Indagini chiuse, accolte le raccomandazioni dell'Fbi

Ministra Giustizia Usa conferma: Clinton non incriminata per emailgate

L'indagine sul cosiddetto emailgate, l'uso delle email private da parte di Hillary Clinton mentre era segretaria di Stato è stata chiusa. Lo ha annunciato la ministra della Giustizia americana, Loretta Lynch, spiegando di aver accolto le raccomandazioni del Federal Bureau of Investigation sulla non incriminazione della candidata democratica alla presidenza. "Ho ricevuto e accettato le loro unanimi raccomandazioni sul fatto che l'approfondita indagine, durata un anno, andasse chiusa e che non fossero presentate incriminazioni contro nessuno", ha spiegato Lynch. In caso di incriminazione, invece, la corsa alla Casa Bianca di Hillary Clinton sarebbe stata compromessa.

LEGGI ANCHE 'Mailgate, Fbi: Clinton negligente ma non va incriminata'

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

FRA, UEFA EL, Olympique Marseille vs Atletico Madrid

Francia, 32enne originario del Burkina Faso picchiato a morte da adolescenti

L'aggressione nel quartiere Saragosse venerdì sera. Massacrato da una gang di giovani, tra i 12 e 14 anni, che avrebbero usato anche il piede di una sedia di plastica

US-POLITICS-TRUMP-PRISON REFORM

Russiagate, Trump chiede inchiesta su spionaggio durante sua campagna

Il presidente Usa vuole fare chiarezza sulla possibile infiltrazione dell'amministrazione Obama

Lo chef Mario Batali coinvolto in un caso di molestie sessuali a passeggio per New York

Usa, nuove accuse di molestie e violenza contro lo chef Mario Batali

Avrebbe aggredito due ex dipendenti del ristorante newyorkese 'The Spotted Pig' sotto l'effetto di droghe e alcol

Venezuela,Maduro riconfermato presidente

Venezuela, rieletto Maduro. Ma l'opposizione grida ai brogli

Il presidente riconfermato fino al 2025. Gli avversari denunciano pressioni sugli elettori e chiedono una nuova consultazione