Giovedì 07 Luglio 2016 - 09:00

Ministra Giustizia Usa conferma: Clinton non incriminata su mailgate

Indagini chiuse, accolte le raccomandazioni dell'Fbi

Ministra Giustizia Usa conferma: Clinton non incriminata per emailgate

L'indagine sul cosiddetto emailgate, l'uso delle email private da parte di Hillary Clinton mentre era segretaria di Stato è stata chiusa. Lo ha annunciato la ministra della Giustizia americana, Loretta Lynch, spiegando di aver accolto le raccomandazioni del Federal Bureau of Investigation sulla non incriminazione della candidata democratica alla presidenza. "Ho ricevuto e accettato le loro unanimi raccomandazioni sul fatto che l'approfondita indagine, durata un anno, andasse chiusa e che non fossero presentate incriminazioni contro nessuno", ha spiegato Lynch. In caso di incriminazione, invece, la corsa alla Casa Bianca di Hillary Clinton sarebbe stata compromessa.

LEGGI ANCHE 'Mailgate, Fbi: Clinton negligente ma non va incriminata'

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

New York, esplosione a fermata degli autobus di Manhattan

Esplosione a Nyc, un arrestato con giubbotto esplosivo. "Era collegato all'Isis"

Tra la 42esima strada e la 8th Avenue. L'attentatore rimasto ferito da un tubo-bomba. Si chiama Akayed Ullah, ha 27 anni, originario del Bangladesh

Russian President Vladimir Putin addresses officials of Rostec high-technology state corporation at the Novo-Ogaryovo state residence outside Moscow

Putin ordina il ritiro delle truppe russe dalla Siria

Il presidente ha avuto un colloquio a sorpresa con il suo omologo siriano Bashar al-Assad

Saudi Arabia's King Salman bin Abdulaziz Al Saud presides over a cabinet meeting in Riyadh

Nuova svolta in Arabia Saudita: riaprono i cinema dopo 35 anni

Dopo le donne alla guida, il re Salman decide di riaprire le sale cinematografiche vietate dagli anni '80

Ue-Israele, Mogherini riceve Netanyahu

Gerusalemme, Netanyahu: "È capitale Israele, anche Paesi Ue lo riconosceranno"

Il premier israeliano parla di fronte all'Unione Europea insieme all'alto rappresentante per gli Affari esteri Federica Mogherini