Lunedì 08 Agosto 2016 - 18:30

Milano, violenze asilo: da pm appello per sequestro di persona

Enrico Luigi Piroddi e Milena Ceres sono già accusati di lesioni aggravate

Milano, violenze asilo: da pm appello per sequestro di persona

Il pm Gianfranco Gallo ha presentato ricorso davanti al Tribunale del Riesame di Milano per chiedere che Enrico Luigi Piroddi e Milena Ceres, titolare e coordinatrice dell'asilo milanese 'BabyWorld' Bicocca, vengano posti entrambi agli arresti domiciliari.  La coppia è accusata di aver maltrattato i piccoli ospiti della struttura.

Lesioni aggravate dall'età dei bambini, che andava da pochi mesi a tre anni, e dai futili motivi è il reato che il gip Stefania Pepe ha riconosciuto a carico di entrambi, disponendo per la Ceres gli arresti domiciliari e per Piroddi l'interdizione per 12 mesi dall'attività. Il pm Gallo aveva contestato anche il reato di sequestro di persona, che il gip non ha ravvisato. E proprio per contestare questo reato, il pm Gallo ha presentato appello al Riesame. Con ogni probabilità, però, l'udienza di discussione verrà fissata a settembre.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Formigoni in tribunale

Caso Maugeri, accusa chiede condanna a 7 anni e 6 mesi per Formigoni

In primo grado l'ex governatore lombardo era stato condannato a 6 anni per corruzione

Matteo Salvini in via a Sant’Albino a Monza, da Sergio Bramini

Bramini non si arrende: "Politica ascolti la rabbia, sarò consulente del governo"

L'imprenditore monzese ha dovuto dichiarare fallimento nonostante un credito nei confronti della pubblica amministrazione di diversi milioni di euro. Ma adesso è pronto a lottare e ripartire

Casapound presenta il programma in vista delle elezioni del 4 marzo

Milano, aggressione neofascista: vittime riconoscono candidata di CasaPound

Le due donne picchiate non hanno dubbi: c'era anche Angela De Rosa nel gruppo di aggressori

Padova vs Feralpisalò

Bullismo contro un compagno di scuola: arrestati due sedicenni

E' successo a Zogno (Bergamo). I ragazzi sono stati messi in comunità. Botte e piccoli taglieggiamenti