Martedì 12 Luglio 2016 - 11:30

Tensioni a Milano, scontri polizia e manifestanti contro Renzi

Una ragazza 'No Borders' è stata ferita alla testa. Il premier partecipa all'inaugurazione della mostra 'Extreme'

Milano, contestatori Renzi caricati da polizia

La polizia e i carabinieri in tenuta antisommossa hanno caricato e manganellato un centinaio di ragazzi del centro sociale 'Lambretta' e della rete 'No Borders' che si stavano muovendo in corteo verso l'ingresso del Museo della Scienza e della Tecnologia, a Milano, dove è atteso Matteo Renzi. Una ragazza è stata ferita alla testa. Il premier alle 12 partecipa all'inaugurazione della mostra 'Extreme'. "Basta deportazioni", sono le parole dello striscione sventolato dagli attivisti.

LEGGI ANCHE Renzi: Entro l'anno bye bye Equitalia. Banche? Correntisti dormano tranquilli

Il premier Renzi è arrivato a Palazzo Marino, a Milano, accompagnato dal ministro dell'Agricoltura, Maurizio Martina, ed è stato accolto dal sindaco Giuseppe Sala che indossava la fascia tricolore. Prima di entrare in Comune, il premier si è fermato a parlare con alcuni operatori della Croce rossa italiana per un paio di minuti. In programma a Palazzo Marino un incontro di Renzi con il sindaco e la giunta. Possibili temi sul tavolo Brexit, migranti e periferie.
 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il Ministro della Giustizia Andrea Orlando incontra L'ANM

Processo Occhionero, pm: "Carpite 3,5mln mail, è spionaggio politico"

Nuove accuse contro i fratelli del cyberspionaggio

Trenord, deraglia un treno nei pressi della stazione di Pioltello

Attraversano al passaggio a livello, travolti due anziani a Cesano Maderno

Marito e moglie di 78 e 75 anni. Le sbarre erano abbassate. Forse lui ha perso il cappello e lei si è chinata a raccoglierlo mentre arrivava il treno

Perquisizione nella sede della Consip

Consip, Sessa e Scafarto sospesi dal servizio per depistaggio

Il colonnello e il maggiore dei carabinieri accusati di aver distrutto prove utili agli inquirenti