Mercoledì 21 Dicembre 2016 - 09:30

Milano, Sala: Ingiusto essere indagati e saperlo dai giornali

"L'autosospensione è servita a capire l'iniziativa della Procura"

Milano, Sala: Ingiusto essere indagati e saperlo dai giornali

"Non è normale apprendere di essere indagato dai giornali, soprattutto mentre stai facendo un lavoro di responsabilità in nome della collettività. So bene che non è la prima volta, ma non voglio arrendermi al fatto che diventi normale". Il sindaco di Milano Giuseppe Sala va all'attacco in un'intervista al quotidiano Repubblica. L'autosospensione, spiega, è servita a "comprendere l'iniziativa della Procura generale e verificare se ci sono altre questioni aperte oltre a quella per cui ho scoperto di essere indagato. I miei avvocati hanno fatto questa verifica, e non risulta altro".  Sala dice di aver ricevuto una chiamata del premier Gentiloni al quale ha chiesto di recarsi a Milano. "Sono preoccupato, molto", sottolinea il sindaco, "più della politica mi preoccupa la burocrazia. Veniamo da mesi di vuoto pre-referendario, non vorrei si sprofondasse subito nel vuoto pre-elettorale".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Migranti soccorsi dalla nave Diciotti della Guardia Costiera italiana sbarcano a Pozzallo

Sbarcati a Pozzallo i 450 migranti. Sì da Spagna e Portogallo. Salvini: "Successo politico"

Oltre Germania, Francia e Malta anche i due paesi iberici prenderanno una quota di persone. Il "no" di Praga. Difficile gestire così i prossimi sbarchi

SPAIN-MIGRANTS-EU-PROACTIVA-OPEN-ARMS

Migranti, Open Arms al largo della Libia. Salvini: "In Italia non ci arrivano"

Un altro tira e molla tra l'Italia e una Ong, dopo la vicenda Lifeline di fine giugno

Presentazione del XVI Rapporto annuale dell’INPS

Dl dignità, governo contro Boeri. Lui ribatte: "I dati non si fanno intimidire"

Il ministro del Lavoro si era scagliato contro le lobby che avrebbero modificato la relazione tecnica sul decreto

Luigi Di Maio ospite di "In Onda"

Decreto dignità, Di Maio: "Relazione modificata da lobby". Mef smentisce

Il ministro del Lavoro contro il numero apparso nella relazione tecnica al decreto