Mercoledì 08 Giugno 2016 - 23:00

Milano, Sala: Farò bene come a Expo. Parisi: Noi nuova politica

I due candidati sindaci si sfidano su SkyTg24 in vista del ballottaggio

Confronto tra candidati sindaci al Comune di Milano

"Sono profondamente milanese e ho un amore incredibile per questa città" e quella di candidarmi a Palazzo Marino è una scelta "che ho meditato tanto". Così il candidato sindaco di centrosinistra Giuseppe Sala ha concluso il dibattito con l'avversario Stefano Parisi su Sky Tg24. "La nostra Milano in futuro sarà più sicura, con meno macchine e Milano non più a due velocità", divisa tra periferia e centro. "Io sono una persona che pensa a lungo termine ma assieme a questo ha una determinazione folle nel portare a casa quello che promette. L'ho fatto in Expo - ha assicurato - e lo farò ancora per Milano".

"Spero che il 19 giugno la gente vada a votare perché a Milano si può cambiare". Questo invece l'appello finale del candidato sindaco di centrodestra nel corso del dibattito. Per Parisi "la campagna elettorale è stato un momento fantastico: noi stiamo costruendo qui a Milano la nuova politica. E lo stiamo facendo con grande successo, visti i risultati".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Camera dei Deputati - Consultazioni del Presidente incaricato Giuseppe Conte

Governo, Conte da Visco. Poi al lavoro sulla lista dei ministri

Il premier incaricato dal governatore della Banca d'Italia a Palazzo Koch. Giovedì ha incontrato i risparmiatori che hanno perso i loro soldi

Il Presidente Mattarella a Civitavecchia in occasione della partenza della "Nave della Legalità"

Il Colle non ci sta: "Tema non sono veti, ma diktat su Mattarella e Conte"

Trapelano malumori per la posizione di Di Maio e Salvini su Savona all'Economia

Quirinale, Consultazioni

Salvini: "Pace fiscale e autonomia le priorità". E insiste su Savona al Mef

Una persona che vuole ridiscutere le regole europee "è un vanto per l'Italia, non un disvalore"

Quirinale, terzo giro di consultazioni per la formazione del nuovo governo

Berlusconi attacca: "FI non sosterrà il governo, incompatibili con M5S"

Il leader forzista si scaglia contro "l'ideologia pauperista e giustizialista dei grillini"