Venerdì 03 Giugno 2016 - 16:15

Milano, ragazza impiccata: Da autopsia rimane ipotesi suicidio

Sul corpo della stilista di 37 anni non ci sono tracce di violenze

Milano, ragazza impiccata: Da autopsia rimane ipotesi suicidio

Sarebbe morta per strangolamento autoindotto Carlotta Benusiglio, la stilista di 37 anni trovata impiccata ad un albero del parchetto di piazza Napoli, a Milano, martedì scorso. Sul suo corpo non ci sono tracce di violenze, colluttazioni o ferite, né altri elementi che facciano pensare a un omicidio. Questo è quanto emerso dall'autopsia eseguita oggi e disposta dal pm milanese Antonio Cristillo, titolare del fascicolo, per chiarire ogni dubbio su quanto accaduto alla donna.

E sull'ipotesi del suicidio, al momento, rimane ferma anche la questura. La polizia era intervenuta subito sul posto, alle 6 del 31 maggio, allertata da alcuni passanti che avevano visto il cadavere legato per il collo con una sciarpa a un albero a non più di 150 passi dalla sua abitazione, al civico 24 di piazza Napoli. I medici legali dovranno ora effettuare ulteriori accertamenti tossicologici e genetici per completare il quadro, ma per gli inquirenti l'ipotesi più accreditata rimane quella del suicidio.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Francavilla, uomo lancia figlia della convivente dal viadotto della A14 e si suicida

La tragedia di Chieti. Filippone ha ucciso anche la moglie

L'autopsia e altri elementi hanno convinto gli inquirenti: esclusi il suicidio e l'incidente. E' stato l'uomo a buttarla dalla finestra

Palazzo di Giustizia. Inaugurazione dell'Anno Giudiziario in Corte di Cassazione

Strage Ustica, Cassazione: "Ministeri risarciscano la compagnia aerea Itavia"

Secondo i giudici, se i dicasteri "avessero adottato le condotte loro imposte dagli specifici obblighi di legge, l'evento non si sarebbe verificato"

FILES-ITALY-POLITICS-NAPOLITANO-HEALTH

Napolitano dimesso dall'ospedale San Camillo di Roma

Era ricoverato dal 24 aprile dopo il malore e l'operazione al cuore