Venerdì 12 Febbraio 2016 - 12:45

Milano, donna rapita, violentata e costretta a prostituirsi

La vittima, aiutata da un cliente, è riuscita a contattare la polizia

Milano, donna rapita, violentata e costretta a prostituirsi

È finito l'incubo per una giovane donna bulgara di 30 anni, rapita a Milano, violentata e costretta a prostituirsi in strada da un connazionale. È stato arrestato il suo aguzzino, un pregiudicato bulgaro di 33 anni, che la notte tra il 25 e il 26 gennaio l'aveva rapita in via Forlanini mentre aspettava l'arrivo del pullman. Dopo averla stordita, picchiata e violentata in un capannone, l'ha costretta a prostituirsi nell'hinterland e in zona Corvetto. Sotto shock e col timore che potesse succederle qualcosa di ancora più terribile, ha aspettato il momento giusto per ribellarsi.

Dopo una decina di giorni di angherie la donna è riuscita a convincere un cliente a contattare un suo amico che l'ha poi accompagnata in Questura, dove ha chiesto aiuto alla polizia. Da lì a poco per il 33enne sono scattate le manette. L'attività investigativa è stata condotta dalla squadra mobile di Milano, guidata dal dirigente Alessandro Giuliano. Non è la prima volta che l'arrestato si rende responsabile di un simile fatto: già nel 2008 era stato condannato per sequestro di persona, violenza sessuale e sfruttamento della prostituzione, tutti reati per cui è accusato anche oggi.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ascoli, frode fiscale da oltre 660 milioni: coinvolte 78 società

Ascoli, frode fiscale da oltre 660 milioni: coinvolte 78 società

Operazione "Fast Sprint" della finanza in diverse regioni

Mafia, 12 arresti Corleone, anche il nipote di Provenzano

Mafia, 12 arresti Corleone, c'è anche il nipote di Provenzano

Avrebbero tentato di riorganizzare il clan decapitato negli ultimi anni

Delitto Del Gaudio, la nuora confessa: Ho inventato tutto

Delitto di Seriate, nuora di Gianna confessa: Ho inventato tutto

"Non è mai esistito l'uomo incappucciato. Ho mentito perché avevo paura di stare sola a casa"