Martedì 05 Settembre 2017 - 19:45

Calci e pugni al datore di lavoro, ora in coma: 57enne arrestato

L'aggressione è avvenuta nel Milanese, sul posto di lavoro, dopo un diverbio tra dipendente e superiore

Milano, Ex manifattura Tabacchi - intervento carabinieri nell'ex palazzo dei Monopoli di Stato - altezza via Giovanni Suzzani 121

Ha picchiato il suo datore di lavoro fino a lasciarlo in fin di vita ed è stato arrestato con l'accusa di tentato omicidio. È accaduto a San Giorgio su Legnano, nel Milanese: un impiegato di 57 anni della Stie, azienda di trasporto urbano, era stato convocato nell'ufficio dal suo superiore, un cinquantatreenne di Varese, per un richiamo disciplinare.

Ne è nato un diverbo, sfociato in un'aggressione. Il dipendente avrebbe iniziato a colpire con calci e pugni il suo capo per poi continuare ad infierire quando l'uomo era già a terra. Il dirigente è ora in coma e rischia di morire. Il suo dipendente ha riportato qualche lieve escoriazione alle mani ed è stato medicato e subito dimesso dall'ospedale. I carabinieri l'hanno quindi arrestato e trasferito nel carcere di san Vittore Olona. 

L'aggressore non era nuovo a violenze: dalle indagini della polizia sono risultati precedenti per lesioni

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Tumori al polmone, nuova macchina per la ricerca

Diciasettenne muore di meningite in ospedale a Imola

Era ricoverato da venerdì scorso per un caso batterico

Cina, lo spettacolo creato dalle nuvole nel cielo di Xiamen

Le nuvole vengono da Sud. Il Meteo del 21 e 22 novembre

Due giornate all'insegna della variabilità. Cieli coperti ma anche schiarite e piovaschi, temperature in saliscendi

Sciopero Nazionale dei Taxi

Non c'è accordo al governo: sciopero dei taxi in tutta Italia

Trenta sigle sindacali hanno annunciato la mobilitazione. Nencini: "Del tutto ingiutsificato"

Mafia, arresti e perquisizioni alla Regione Lazio e al Campidoglio: indagato anche Alemanno

Mafia, maxi operazione dei carabinieri a Palermo: 27 arresti

Al centro dell'indagine la famiglia mafiosa di Santa Maria di Gesù