Sabato 27 Febbraio 2016 - 15:15

Milano, con Alberta Ferretti la femminilità sale in passerella

La nuova collezione fa un uso sapiente di tessuti preziosi, come la seta più fluida, il velluto, sempre di seta, il pizzo Valenciennes, gli intarsi in pelo

Sfilata Alberta Ferretti alla Milano Fashion Week

Con Alberta Ferretti è sempre la femminilità a salire in passerella. Anche quando la designer confeziona pigiami palazzo o tailleur rigorosi, tutto trasuda sensualità e vezzo. Nella sua collezione a/i 2016/2017, appena presentata sulle passerelle milanesi, Ferretti fa un uso sapiente di tessuti assolutamente preziosi, come la seta più fluida, il velluto, sempre di seta, il pizzo Valenciennes, gli intarsi in pelo, rigorosamente vero, con buona pace degli animalisti. Materiali che si mixano insieme, sfociano l'uno nell'altro, così diversi ma così sempre in armonia, in equilibrio.  I colori proposti dalla stilista, oltre ai suoi must, ovvero i 'polverosi', come azzurro chiaro, rosa cipria, beige e verdino, spaziano da un inedito verde lime-verde chartreuse, a un rosso terracotta e ruggine, ravvivati e vivacizzati dal raso, che li rende luminosi e contemporanei.  Per quanto riguarda gli abiti, la Ferretti spazia da romanticissimi abitini al ginocchio, bon ton e ricamati, a sensuali long dress in raso e pizzo, che avvolgono la figura senza fasciarla mai troppo; anche le trasparenze sono accennate, velate, schermate da ricchi ricami, mai volgari. E ancora: morbidi tailleur pantalone o con la gonna, spesso longuette, pigiami palazzo raffinatissimi in raso o velluto, tute intere cangianti o tubini ricamati, magari arricchiti da un morbido collo in pelo nella stessa nuance, che fa respirare aria di anni Quaranta. Ai piedi, semplici stivaletti stringati bianchi o color ghiaccio, alternati a decollété, spesso ricamate sul davanti, per una collezione applauditissima e chic.

Scritto da 
  • di Chiara Dalla Tomasina
Accedi o registrati per inserire commenti.