Giovedì 04 Febbraio 2016 - 13:00

Milano, le interviste ai 4 candidati alle primarie del centrosinistra

L'identikit dei quattro sfidanti che vogliono diventare sindaco del capoluogo lombardo

Giuseppe Sala

 Sono quattro e hanno posizioni diverse praticamente su tutto. Ecco un ritratto dei candidati alle primarie del 6 e del 7 febbraio, grazie alle quali i milanesi sceglieranno il candidato sindaco di centrosinistra. E la sfida si preannuncia combattuta fino all'ultimo voto.

Giuseppe Sala, forte della notorietà ottenuta grazie al successo di Expo, è dato favorito. Per lui si sono spesi i ministri Maurizio Martina, Maria Elena Boschi, Dario Franceschini e Graziano Delrio. E nonostante Palazzo Chigi non abbia preso posizione ufficialmente, Renzi lo scorso dicembre, presentando i candidati alle primarie milanesi, ha detto che l'ex commissario Expo è il candidato che gli è più vicino. Le primarie, però, restano un difficile scoglio da superare anche per lui. Secondo i sondaggi, infatti, a separarlo dalla sfidante Francesca Balzani ci sarebbero solo 5 punti di vantaggio. Il vicesindaco e assessore al Bilancio della giunta Pisapia, in appena due anni ha sistemato i conti di Palazzo Marino. E adesso, dopo aver incassato l'endorsement del sindaco arancione, è pronta ad affrontare la contesa elettorale. Più indietro restano l'assessore al Welfare Pierfrancesco Majorino - che con la Balzani si contende i voti degli elettori più a sinistra -  e il presidente della Uisp Antonio Iannetta.

Ecco i profili dei candidati:

Francesca Balzani

FRANCESCA BALZANI, UNICA DONNA IN CORSA. Francesca Balzani è nata a Genova e ha 49 anni (leggi l'intervista di LaPresse). È sposata con Francesco, che insegna diritto all'Università di Bologna e la coppia ha tre figli, Teo, Milo e Agata. E' stata allieva del famoso giurista Victor Uckmar e ha lavorato con lui fino al 2007, occupandosi come avvocato di enti locali e del mondo del non profit. Nel 2007 il sindaco di Genova Marta Vincenzi l'ha voluta nella sua giunta come assessore al Bilancio. È stata anche consigliere di indirizzo della Fondazione Cassa di Risparmio di Genova e Imperia e presidente della società Opere Sociali. Ha insegnato al Master in Diritto Tributario della Bocconi di Milano e in altri corsi post lauream. Nel 2009 è stata eletta al Parlamento Europeo nelle liste del Pd. Candidata nel collegio del Nord Ovest, ha ottenuto 45.298 preferenze, risultando la quarta tra gli eletti nonostante pochissimi mesi di campagna elettorale. A marzo 2013 il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia le ha proposto di entrare a far parte della giunta come assessore e dal 17 luglio 2015 è vicesindaco.
 

Antonio Iannetta

ANTONIO IANNETTA, IL CANDIDATO PIU' GIOVANE. Antonio Iannetta è il più giovane dei quattro candidati, con i suoi 41 anni (legge l'intervista di LaPresse). Padre di due bambini, laureato in matematica, fisica e scienze naturali, dice di avere un interesse spiccato per la tutela dell'ambiente e per la sua difesa. Iannetta è un manager e dal 2013 è direttore generale dell'Unione Italiana Sport Per tutti (Uisp), associazione che tra Milano e provincia conta 550 società sportive e 70mila tesserati. Per anni ha coordinato progetti di cooperazione internazionale relativi allo sport in Paesi come la Somalia, la Palestina e il Brasile, accumulando inoltre esperienza nelle relazioni con le istituzioni sia amministrative che politiche della città di Milano.
 

Pierfrancesco Majorino

PIERFRANCESCO MAJORINO, UNA VITA PER LA POLITICA. Pierfrancesco Majorino, ha 42 anni e un figlio di 7 (Leggi l'intervista di LaPresse). Fin da ragazzo si è occupato di politica all'interno dei Ds, di cui è stato segretario cittadino e responsabile del coordinamento milanese. Dal 1994 al 1998 è stato presidente nazionale dell'Unione degli Studenti e della Rete Studentesca. Nel 1998 è stato nominato consigliere delegato dal ministro alla Solidarietà sociale, Livia Turco, con l'incarico di occuparsi di politiche giovanili. Nel 2006 l'elezione in Consiglio comunale nella lista dell'Ulivo. Nel 2008 è stato nominato capogruppo del Pd e ha guidato il gruppo di minoranza fino alla fine della consiliatura. Durante l'amministrazione Moratti si è battuto, tra le altre cose, per l'istituzione della Commissione Antimafia, del Registro delle Unioni civili. Nel maggio del 2011 è stato eletto per la seconda volta in Consiglio Comunale nelle liste del Pd. Nel giugno del 2011 il sindaco Giuliano Pisapia lo ha chiamato a far parte della Giunta affidandogli la delega alle Politiche sociali e Cultura della Salute.

Giuseppe Sala

GIUSEPPE SALA, DALL'EXPO ALLA POLITICA. Giuseppe Sala è nato a Milano 57 anni fa (leggi l'intervista di LaPresse). Laureato in Economia Aziendale alla Bocconi nel 1983, è entrato subito in Pirelli, dove si è occupato di pianificazione strategica e gestione degli investimenti. Nel 1998, dopo una rapida carriera, è stato nominato amministratore delegato del gruppo della Bicocca. Nel 2002 ha lasciato la Pirelli per passare a un altro colosso, la Tim. Il suo ruolo iniziale è  stato di Cfo, ma solo un anno dopo è diventato direttore generale di Telecom Italia, incarico che ha ricoperto fino al 2006, quando ha fondato Medhelan Management & Finance con altri tre partner. Diventato presidente della neonata società di consulenza, nello stesso periodo è stato anche senior advisor della banca d'investimenti giapponese Nomura. Nel gennaio 2009 l'allora sindaco Letizia Moratti lo ha nominato direttore generale del Comune di Milano. Da febbraio a maggio 2012 ha ricoperto la carica di presidente di A2A, l'azienda pubblica lombarda di energia e servizi. Nel giugno 2010 è stato nominato amministratore delegato di Expo Spa, fino a dicembre 2015, quando ha rassegnato le dimissioni perché deciso di candidarsi alle primarie. Il 6 maggio 2013 l'allora presidente del Consiglio Enrico Letta lo ha nominato commissario unico delegato del governo per l'Expo. Il 29 ottobre 2015 è entrato a far parte del CdA di Cassa depositi e prestiti.
 

Scritto da 
  • Benedetta Dalla Rovere
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Pizzarotti lunedì lascerà il M5S. Grillo difende Mazzillo: Anch'io ho avuto tessera Pd

Pizzarotti lunedì lascerà il M5S. Grillo difende Mazzillo: Anch'io ho avuto tessera Pd

Il sindaco di Parma attacca i vertici del movimento, mentre il comico genovese difende Raggi

Mirandola, Grillo all'inaugurazione della palestra ricostruita

Grillo difende Mazzillo: Anche io ho avuto tessera del Pd

Il leader del M5S ha partecipato oggi all'inaugurazione di una nuova palestra a Mirandola

Classe Democratica. Scuola di formazione del PD

Referendum, Napolitano: Errori hanno favorito il no

Il presidente emerito della Repubblica ha tenuto una lectio magistralis alla scuola di formazione politica del Pd

Raggi: Il nostro nuovo assessore al Bilancio non è un ripiego

Raggi: Il nostro nuovo assessore al Bilancio non è un ripiego

La sindaca: Abbiamo scelto Mazzillo perché ha le competenze che servono