Venerdì 07 Ottobre 2016 - 16:30

Milano, ancora guai per Corona: tribunale gli sequestra 1,7 milioni

Il provvedimento riguarderebbe il 'nero' dell'ex fotografo dei vip

Milano, ancora guai per Corona: tribunale gli sequestra 1,7 milioni

Nuovi guai giudiziari per Fabrizio Corona. La sezione misure di prevenzione del tribunale di Milano ha sequestrato 1,7 milioni di euro all'ex marito di Nina Moric. Secondo quanto si apprende, i soldi sarebbero stati relativi a compensi ricevuti dall'ex fotografo dei vip da quando è stato scarcerato. I contanti sono stati trovati nel controsoffitto di un immobile.

Il provvedimento arriva a pochi giorni dalla decisione del gip Moccia che aveva disposto per Corona l'affidamento in prova ai servizi sociali, invece di continuare a scontare la pena di 5 anni in carcere. 

"Il gip Ambrogio Moccia - aveva dichiarato in quell'occasione il legale Ivano Chiesa - ha riconosciuto la continuazione per quanto riguarda i reati di estorsione, tentata estorsione e bancarotta".

Escluso, invece, dalla continuazione il reato di corruzione, scelta, questa, che fa aumentare la pena residua, precedentemente calcolata in 4 anni e 8 mesi, di alcuni mesi. "Anche se la pena sale un po' - aveva detto l'avvocato Chiesa - rimane comunque sotto i 6 anni. In questo modo Fabrizio può rimanere fuori dal carcere e continuare il percorso di riabilitazione che ha intrapreso". "Corona è molto soddisfatto della decisione e decisamente sollevato - aveva spiegato il legale - perché temeva di dover tornare in carcere".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Macerata, Oseghale spostato nel carcere di Ascoli, lontano dagli altri indagati

L'uomo, arrestato per l'omicidio della 18enne, è stato trasferito in un altro penitenziario

Pioggia a Milano

Pioggia no-stop su tutta Italia: il meteo del 18 e 19 febbraio

Le previsioni in Italia a cura dell'Aeronautica militare

Ministério da Agricultura garante que não há riscos para o consumo de carne

Cresce mercato cibo italiano, ma nel piatto è falso 1/4 dei made in Italy

Al via la petizione #stopcibofalso per chiedere al Parlamento Europeo che i consumatori abbiano la possibilità di conoscere da dove arriva il cibo che portano in tavola