Domenica 15 Gennaio 2017 - 18:30

Milano, altro femminicidio: donna uccisa in casa

A trovarla è stato il marito, da chiarire il suo ruolo

Milano, altro femminicidio: donna uccisa in casa

Ennesimo caso di femminicidio. Una donna di 50 anni, Rosanna Belvisi, è stata trovata morta nel pomeriggio nella sua abitazione al piano terra di via Coronelli 11 a Milano. A trovarla e dare l'allarme sarebbe stato il marito, Luigi Messina. Il palazzo dove la donna è stata trovata si trova a pochi metri dal commissariato di Lorenteggio. Rosanna Belvisi era tornata ieri da Lampedusa, dove vive il fratello Battista. La donna aveva trascorso qualche giorno di vacanza sull'isola insieme al marito. La donna sul suo profilo Facebook dedica molti post proprio a Pantelleria. "Sono come il mare e nel nome del mare voglio vivere", scriveva, e anche la citazione preferita era dedicata al mare: "Il mare parla il linguaggio di Dio, solo le menti umili e semplici possono contemplare la bellezza della sua voce". La donna, nata nel 1966, aveva conseguito un diploma magistrale a Gorgonzola e lavorava nella pubblica amministrazione. Ha una figlia 24enne, Valentina, che lavora a Milano. A uccidere Rosanna Belvisi sarebbe stata una ferita d'arma da taglio. La chiamata al 118 sarebbe arrivata attorno alle 15. La polizia ha portato in questura per interrogarle diverse persone che vivono nel condominio al civico 11 della via, compreso il marito Luigi Messina.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Conferenza stampa sulla morte di Giulio Regeni

Regeni, bufera su governo dopo caso Nyt. Famiglia: Andremo al Cairo

Secondo Claudio Regeni e Paola Deffendi sarebbe sufficiente "un po' più di pressione sul governo egiziano" per fare chiarezza

Brescia, conferenza su attività al Canile Sanitario

Pesticidi nemici di cani e gatti: solo a luglio 3mila avvelenati

Dalla candeggina agli insetticidi: l'uso errato può uccidere i nostri amici a quattro zampe

L'aggressore di Niccolò confessa: "Ho fatto una cosa orribile"

Intanto il ministro Alfano da sapere che l'autopsia è conclusa: "Accelerare le procedure di rimpatrio"