Mercoledì 02 Maggio 2018 - 15:00

Milano, ottantunenne spara a trans: "Non devi stare qui"

E' successo in viale Fulvio Testi. Prima aveva consumato un rapporto con la trans brasiliana. Ferita ne avrà per 60 giorni

Roma: operazione antiprostituzione

I carabinieri di Porta Monforte hanno arrestato a Milano un uomo di 81 anni, con precedenti e vedovo, per aver sparato a un transessuale brasiliano con cui aveva avuto un rapporto sessuale. Il 6 aprile scorso l'anziano, che non è un cliente abituale, ha incontrato in via Fulvio Testi la vittima, di 36 anni, chiedendole di salire in macchina. I due si sono recati in automobile a casa del trans, dove hanno consumato il rapporto. L'81enne, dopo aver pagato, ha lasciato l'appartamento riaccompagnado il brasiliano sul marciapiedi. A circa un'ora di distanza è tornato in auto in via Fulvio Testi, si è avvicinato al trans, ha abbassato il finestrino e gli ha sparato alla mano. Sul posto sono intervenuti i carabinieri.

Il movente non è ancora stato chiarito: secondo la prima ricostruzione, l'81enne allontanandosi dalla 'piazzola' avrebbe detto al transessuale, che ha riportato 60 giorni di prognosi, "non devi stare qui". L'arma, una calibro 7x65, non è stata trovata. L'anziano è stato arrestato su ordinanza di custodia cautelare

Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Mamma no vax falsifica documenti sui vaccini: si vanta su Fb, denunciata

Nella conversazione spiega compiaciuta il 'trucchetto' con cui ha ingannato l'asilo di Esine (Brescia)

Sub muore nel lago di Como, grave il compagno d'immersione

La vittima ha 47 anni. Il secondo sommozzatore, anch'egli 47enne, è ricoverato al Niguarda

Lombardia, contraccettivi gratis per gli under 24 nei consultori

L'ordine del giorno mira a sostenere la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili e la procreazione responsabile

Brescia, bimba dodicenne autistica dispersa nei boschi di Serle

Brescia, nessuna traccia di Iushra: ultimo giorno di ricerche nei boschi

La 12enne autistica scomparsa nove giorni fa sull'altopiano di Cariadeghe. Un testimone ha raccontato di aver notato una ragazzina su una panchina, la stessa immagine vista da una sensitiva di Padova