Domenica 02 Luglio 2017 - 17:15

Milan, Borini: Roberto Baggio il mio idolo, che forza Thiago Silvia

Il neo rossonero ha rilasciato la prima intervista al sito del club

ENG, Premier League, Sunderland vs AFC Bournemouth

 "Il mio idolo? Roberto Baggio. Il giocatore del Milan più forte mai incontrato? Thiago Silva". E' quanto ha rivelato il neo acquisto rossonero Fabio Borini in un'intervista pubblicata sul sito ufficiale del club. L'attaccante spende belle parole per l'ex 'Divin Codino': "Anche fuori dal campo è stato un esempio, l'ho incontrato dopo un'operazione alla spalla e mi ha aiutato con le sue parole e il suo modo di pensare. Ha cambiato tante squadre ma è sempre stato amato tanto sia all'Italia che all'estero". Riguardo all'aneddoto su Thiago Silva, "ricordo bene che in uno sprint iniziale tutti e due eravamo a battagliare per la palla e alla fine nessuno dei due ha vinto. Quello mi ha fatto ricordare che è veloce anche lui. E' stato molto bello". Borini ha poi confessato la sua ammirazione per il Borussia Dortmund, "forse per il colore giallo che era il mio preferito sin da piccolo".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Milan vs Fiorentina

Milan pokerissimo che vale sesto posto: Fiorentina ko 5-1

Vittoria in rimonta per il Diavolo, che va sotto ma reagisce alla grande ed ottiene un meritatissimo successo

Atalanta - Milan

Serie A, Atalanta riprende Milan al 92': 1-1, rossoneri in Europa

Prima la rete di Kessie che non esulta. Poi il gol al 92' di Masiello riagguanta i rossoneri che possono però sorridere per l'aritmetico accesso alla prossima edizione dell'Europa League

Juventus vs Milan - Finale Coppa Italia TIM 2017/2018

Pagelle di Juve-Milan. Grandi Buffon e Benatia. Donnarumma e le papere

Bianconeri praticamente perfetti. Bene anche Douglas Costa e Dybala. Nel Milan si salvano Bonucci e Calabria

Milan - Hellas Verona

Coppa Italia, il Milan sogna lo sgambetto alla superJuve: dubbio Cutrone-Kalinic

I rossoneri vogliono rovinare il possibile 'doblete' ai bianconeri ormai virtualmente campioni d'Italia. Ma non sarà facile