Mercoledì 06 Settembre 2017 - 10:15

Via libera a relocation, richiedenti asilo ridistribuiti tra Paesi Ue

Il meccanismo approvato dalla Corte europea è proporzionato. L'Ungheria: "Inaccettabile"

Migranti, nuovi sbarchi nel porto di Catania

La Corte di Giustizia dell'Unione Europea ha bocciato i ricorsi di Slovacchia e Ungheria contro il piano Ue di relocation dei migranti da Italia e Grecia. Arriva così il via libera alla redistribuzione dei richiedenti asilo nei Paesi Ue. "Il meccanismo contribuisce a far sì che Italia e Grecia possano affrontare l'impatto della crisi migratoria, ed è proporzionato", ha dichiarato la corte con sede a Lussemburgo. Il piano prevede il ricollocamento di 160mila persone, 25mila delle quali già trasferite.

"Il governo dell'Ungheria considera scioccante e inaccettabile la decisione di oggi della Corte di giustizia europea", afferma il ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto. "Questa decisione mette a rischio la sicurezza e il futuro di tutta l'Europa".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

File Photo: Handout photo of convicted murderer Charles Manson

Morto Charles Manson, autore di una serie di omicidi 'satanici' negli anni '60

Fu uno dei criminali più feroci del ventesimo secolo. Tra le vittime del 'guru' della setta 'Family' anche Sharon Tate moglie del regista Roman Polanski

Zimbabwe, Mugabe resiste e non si dimette. Lui e la moglie espulsi dal partito

Il discorso in tv: "Restituire la normalità al Paese". Mnangagwa prende il posto del presidente come leader di Zanu-Pf

The Argentine military submarine ARA San Juan and crew are seen leaving the port of Buenos Aires

Argentina, sette tentativi falliti di chiamate d'emergenza dal sottomarino scomparso

I segnali ricevuti fra le 10.52 e le 15.42 ora locale e hanno avuto una durata dai 4 ai 36 secondi. Non si è però riusciti a stabilire un contatto

Proteste in Zimbabwe

Zimbabwe, manifestanti anti-Mugabe marciano verso residenza presidente

Il nipote: "Lui e la moglie Grace sono pronti a morire per ciò che è giusto e non hanno intenzione di dimettersi"