Giovedì 02 Febbraio 2017 - 13:00

Migranti, Tusk: Bisogna chiudere la rotta dalla Libia all'Italia

"Ne ho parlato con Gentiloni e garantisco che possiamo riuscirci"

Migranti, Tusk: Bisogna chiudere la rotta dalla Libia all'Italia

"L'Unione europea ha provato di essere in grado di bloccare le rotte irregolari dell'immigrazione. Ora è tempo di chiudere la rotta dalla Libia all'Italia. Ne ho parlato a lungo con il primo ministro italiano Gentiloni ieri e garantisco che possiamo riuscirci. Ci serve la piena determinazione per farlo". Lo ha detto il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, nel corso di una conferenza stampa dopo l'incontro con il primo ministro libico Fayez Mustafa Al-Sarraj

I leader europei, ha aggiunto Tusk, "discuteranno a Malta di come l'Unione europea e i suoi membri possano cooperare meglio con la Libia. Abbiamo condiviso l'interesse e la determinazione a ridurre il numero dei migranti irregolari che rischiano la propria vita attraversando il Mediterraneo centrale. Questo non è sostenibile per l'Europa né per la Libia, mentre i trafficanti lasciano annegare la gente e minano l'autorità dello Stato libico per il proprio profitto".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Conferenza stampa sulla morte di Giulio Regeni

Regeni, bufera su governo dopo caso Nyt. Famiglia: Andremo al Cairo

Secondo Claudio Regeni e Paola Deffendi sarebbe sufficiente "un po' più di pressione sul governo egiziano" per fare chiarezza

Usa 2016, Donald Trump in campagna elettorale

Hope Hicks, nuova direttrice della comunicazione per Trump

Già nel 2016 era stata la portavoce della campagna elettorale di Donald Trump

AUT, Österreich bereitet Grenzkontrollen zu Italien vor

Migranti, Austria invierà 70 soldati al Brennero

I militari non verranno schierati, né saranno dispiegati carri armati: serviranno ad aiutare nei controlli

Nord Corea, Trump: Da Kim decisione saggia, alternativa era catastrofe

Corea, Trump: Decisione saggia di Kim, alternativa era catastrofe

Kim ha deciso di "osservare per un po'" il comportamento Usa prima di intraprendere la minacciata offensiva contro Guam