Giovedì 02 Febbraio 2017 - 13:00

Migranti, Tusk: Bisogna chiudere la rotta dalla Libia all'Italia

"Ne ho parlato con Gentiloni e garantisco che possiamo riuscirci"

Migranti, Tusk: Bisogna chiudere la rotta dalla Libia all'Italia

"L'Unione europea ha provato di essere in grado di bloccare le rotte irregolari dell'immigrazione. Ora è tempo di chiudere la rotta dalla Libia all'Italia. Ne ho parlato a lungo con il primo ministro italiano Gentiloni ieri e garantisco che possiamo riuscirci. Ci serve la piena determinazione per farlo". Lo ha detto il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, nel corso di una conferenza stampa dopo l'incontro con il primo ministro libico Fayez Mustafa Al-Sarraj

I leader europei, ha aggiunto Tusk, "discuteranno a Malta di come l'Unione europea e i suoi membri possano cooperare meglio con la Libia. Abbiamo condiviso l'interesse e la determinazione a ridurre il numero dei migranti irregolari che rischiano la propria vita attraversando il Mediterraneo centrale. Questo non è sostenibile per l'Europa né per la Libia, mentre i trafficanti lasciano annegare la gente e minano l'autorità dello Stato libico per il proprio profitto".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Verginità all'asta per pagarsi gli studi: 18enne italiana raccoglie 1 milione di euro

Vuole studiare a Cambridge, acquistare una casa e viaggiare: perciò ha preso la decisione di vendersi sul web. The Sun l'ha sentita e assicura che non è un falso

Giappone, allarme a Gamagori: pesce velenoso venduto per errore

Il fugu è considerato una prelibatezza nel Paese, ma dev'essere cucinato da cuochi esperti. Anche un solo boccone può rivelarsi fatale

Figli segregati in casa in California: genitori accusati di tortura

Tredici giovani legati ai letti senza cibo né acqua. Interrogati sul motivo, David Allen e Louise Anna Turpin non hanno saputo dare spiegazioni alla polizia

Burma Rohingya crisis

Rohingya rimpatriati entro due anni in Birmania: la paura dei profughi

Raggiunto un accordo con il Bangladesh. Ma i rifugiati, in fuga dalle violenze, non vogliono tornare nello Stato di Rakhine