Giovedì 28 Gennaio 2016 - 09:00

Migranti, Svezia espellerà fra 60mila e 80mila richiedenti asilo

Ad annunciarlo è stato il ministro dell'Interno svedese, Anders Ygeman, in un'intervista rilasciata al quotidiano Dagens Industri

In Svezia sono 163mila le persone che hanno chiesto asilo del 2015

La Svezia si prepara a espellere o rimpatriare fra 60mila e 80mila delle 163mila persone che hanno chiesto asilo del 2015. È quanto ha riferito il ministro dell'Interno svedese, Anders Ygeman, in un'intervista rilasciata al quotidiano Dagens Industri. Il governo teme che molti dei migranti proveranno a nascondersi e per questo, riporta Dagens Industri, la polizia intensificherà il suo lavoro per trovarli ed espellerli.

Della situazione dei migranti in Europa ha parlato anche l'Alto rappresentante per la politica estera europea, Federica Mogherini: "Vedo un rischio molto serio di implosione, anche se resto convinta che l'Europa abbia gli strumenti, la capacità e la forza per gestire questi numeri", aggiungendo che "è un'illusione pericolosa pensare di poter gestire le migrazioni con il reinserimento dei controlli alle frontiere.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Spagna, un anno fa attacco a Barcellona: la città ricorda le vittime

Barcellona commemora attacco Rambla divisa su questione Catalogna

In un doppio attentato tra il centro città e Cambris persero la vita 16 persone, tra cui due italiani

India, allagamenti per forti piogge

India, alluvioni in Kerala: 324 morti, oltre 220mila sfollati

Situazione drammatica dopo dieci giorni di piogge incessanti. In tutto lo Stato le vittime sono oltre 800

TURKEY-US-POLITICS-JUSTICE-RELIGION-DIPLOMACY

Turchia, respinta nuova richiesta di rilascio del pastore Usa

Washington minaccia nuove sanzioni. Ankara replica: "Pronti a reagire"

Jena, Angela Merkel alla conferenza "Citizens' dialogue on the future of Europe"

Migranti, Berlino: "Accordo con Grecia, intesa vicina anche con Italia"

Al centro i respingimenti al confine dei profughi che abbiano già chiesto asilo in altri Paesi europei