Giovedì 22 Giugno 2017 - 07:45

Migranti ridotte in schiavitù e fatte prostituire: cinque arresti

Le ragazze arrivavano dalla Nigeria a Lecce sui barconi salpati dalla Libia

203° anniversario della fondazione dell'Arma dei Carabinieri

I militari del nucleo investigativo del comando provinciale e della sezione anticrimine di Lecce stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa su richiesta della locale procura distrettuale antimafia, nei confronti di 5 cittadini nigeriani indagati per associazione finalizzata alla riduzione in schiavitù a fini sessuali, tratta di persone, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e sfruttamento della prostituzione

Al centro delle indagini dei carabinieri un sodalizio criminale transnazionale radicato in Nigeria, con cellule operative in Libia e in diverse aree del territorio nazionale, dedito alla riduzione in schiavitù e tratta di ragazze destinate al mercato della prostituzione, assoggettate alle madame nigeriane, fatte giungere in Italia a bordo di barconi stipati di migranti e salpati dalle coste libiche alla volta della Sicilia.

Sono state documentate, in particolare, le modalità attraverso le quali numerose giovani nigeriane ospitate nei centri accoglienza, ottenuto il permesso temporaneo di soggiorno, dopo essersi allontanate venivano tempestivamente 'recuperate' da componenti dell’organizzazione malavitosa con i quali erano in costante contatto, ed avviate allo sfruttamento sessuale. 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Turisti e sicurezza in città'

Isis minaccia su Telegram: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

Lo riferisce l'organizzazione Usa Site. Il Viminale comunica di aver espulso due marocchini e un siriano per motivi di pericolosità sociale

Trovato cadavere carbonizzato in un prato vicino ad Aosta

Per il momento non è stato possibile identificare la vittima

I genitori di Valeria Solesin: "Conosciamo questo dolore"

Luciana Milani e Alberto Solesin scrivono una lettera aperta ai familiari delle vittime della strage di Barcellona