Venerdì 06 Maggio 2016 - 19:00

Migranti, Renzi: Ha ragione Papa, Ue ha perso sua vocazione

La battaglia sull'immigrazione è ancora tutta da giocare" ha sottolineato il premier

Matteo Renzi

"Oggi Papa Francesco è partito da una domanda: Cosa ti è successo Europa? Perché la rassegnazione e la stanchezza si sono impossessate di te? Si è smarrito il cammino verso l'integrazione. E' come se si fosse perduta la vocazione dell'Europa". Così sull'Europa e sui migranti, il presidente del Consiglio Matteo Renzi a Firenze all'European University Institute.  "Nella battaglia sull'immigrazione siamo stati soli con Malta nel 2014.  Dopo la stagione gloriosa dei padri fondatori tocca a noi figli non vivere solo di rendita".

E continua a citare il Papa: "Oggi il papa ha detto: Abbattere i muri e costruire i ponti. Chi ama questa città, riconosce il riferimento a Giorgio La Pira. Quest'anno l'Europa è tornata a costuire i muri: il primo muro è quello della paura. Sarebbe interessante parlare di come negli Stati Uniti questi concetti abbiano preso piede nella campagna elettorale, ma non è questa la sede" . La battaglia sull'immigrazione è ancora tutta da giocare. La questione è tutt'altro che risolta non solo perchè ciò che sta avvendendo in Turchia pone in questione l'accordo tra l'Europa e la Turchia. Faccio mie le parole di Muscat: quella non può essere la soluzione" ha aggiunto Renzi

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Rimini, congresso fondativo di "Sinistra Italiana"

Leu, Civati: "Foglioline? Noi siamo femministi nella sostanza"

Al nuovo partito potrebbe unirsi anche Laura Boldrini

Assemblea nazionale "C'è una nuova proposta"

Grasso: "Comandato da D'Alema? Sarò io a guidare Liberi e Uguali"

Il presidente del Senato risponde a Matteo Renzi che lo ha paragonato a Fini

PD - Sit in del Partito democratico sotto la sede dell?Agcom

Fatturazione ogni 4 settimane: stop per legge, ma le Telco vanno avanti

AgCom e Parlamento sono intervenuti, ma le compagnie telefoniche continuano a proporli. Per i consumatori un danno da un miliardo all'anno