Venerdì 19 Febbraio 2016 - 06:45

Renzi: Stop a fondi a chi non accoglie. Ungheria: Ricatto politico

La replica alle parole del premier arriva dal portavoce del governo dell'Ungheria, Zoltan Kovacs

Matteo Renzi al Consiglio europeo

"Passi avanti timidi sull'immigrazione, qualche passo indietro sull'accordo inglese". Così, alle due e mezza del mattino, il premier Matteo Renzi riassume la prima giornata di vertice europeo. La cena di lavoro dedicata alla crisi migratoria è durata sei ore. La discussione è stata piuttosto accesa. Al banco degli imputati l'Austria, con il suo annuncio di voler introdurre controlli alle frontiere e quote agli ingressi. Ma tiene banco anche l'attacco a chi vuole fondi senza poi accogliere. E' lo stesso Renzi a lanciarlo, raccogliendo in mattinata la replica unghese.

L'AFFONDO DI RENZI Se Renzi infatti si è mostrato comprensivo verso l'Austria  sottolineando che che Vienna si trova in "una posizione che è comprensibilmente molto difficile" perché "l'Austria oggi ha più richiedenti asilo dell'Italia in termini assoluti, ed è un Paese decisamente più piccolo e meno popoloso", molto meno lo è nei confronti dei Paesi dell'Est Europa, riottosi ad accettare i ricollocamenti. "Cari amici - avrebbe detto nel corso della cena - basta con le prese in giro. Da un anno vi diciamo che questo problema riguarda tutti. Mettiamola così: la solidarietà non può essere solo nel prendere". E avrebbe lanciato una minaccia: "Inizia adesso la fase della programmazione dei fondi 2020. O siete solidali nel dare e nel prendere. Oppure smettiamo di essere solidali noi Paesi contributori. E poi vediamo". Una sferzata sulla quale avrebbe raccolto il consenso di Francia e Germania.

LA REPLICA UNGHERESE La minaccia dell'Italia di tagliare i fondi Ue agli Stati membri dell'est è un "ricatto politico". È quanto ha detto il portavoce del governo dell'Ungheria, Zoltan Kovacs, secondo quanto riferisce l'agenzia di stampa ungherese Mti. Il portavoce dell'esecutivo ungherese ha ribadito la posizione che Budapest ha da tempo, cioè che a suo parere in Europa non c'è spazio per le quote di ricollocamenti per costringere gli Stati membri a farsi carico di un certo numero di rifugiati.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Referendum, Dijsselbloem: Non cambiano i problemi dell'Italia

Referendum, Dijsselbloem: Non cambiano i problemi dell'Italia

"Che siano affrontati rimane la nostra preoccupazione" dice il presidente dell'Eurogruppo

Referendum su media esteri: Renzi bocciato, per tedeschi esito tragico

Referendum su media esteri: Renzi bocciato, per tedeschi esito tragico

Come viene raccontata la notizia dalla Francia al Regno Unito, dalla Germania agli Stati Uniti

Pierre Moscovici

Referendum, Moscovici (Ue): Toccati da esito, ma l'Italia è solida.

Il ministro tedesco Schaeuble: "Non bisogna parlare di crisi euro, Italia continui su strada di Renzi"

Francia, Valls annuncerà oggi la candidatura alle presidenziali

Francia, Valls annuncerà oggi la candidatura alle presidenziali

Oggi alle 18.30 scende il campo il premier transalpino