Martedì 08 Agosto 2017 - 14:00

Migranti, la guardia costiera libica spara contro una ong

La denuncia di Proactiva: "Era pattuglia addestrata e finanziata dall'Ue"

Migranti, Proactiva: "Guardia costiera libica ci ha sparato". Sos Mediterranee firma codice

Spari di avvertimento da parte di una motovedetta della guardia costiera libica contro una nave della Ong spagnola Proactiva. Lo ha denunciato la stessa organizzazione non governativa su Twitter. "É successo ieri alle 8.30 in acque internazionali. La pattuglia della guardia costiera libica addestrata e finanziata dalla Ue minaccia e spara", si legge nel tweet, accompagnato da un video.

La nave di Open arms "è stata avvicinata dalla guardia costiera di Tripoli mentre era a 12,8 miglia dalle coste libiche" e "hanno sparato contro di noi da molto vicino, nessuno è stato comunque ferito". Lo riferisce al TgLa7 Riccardo Gatti, portavoce della Ong Proactiva, che oggi ha firmato il codice di condotta del Viminale. Gatti sostiene di avere dei "video che documentano gli spari".

Sos Mediterranee firmerà il codice di condotta al Viminale giovedì 11 agosto. E' quanto si apprende da fonti del ministero dell'Interno. Oggi anche la Ong Proactiva Open Arms ha sottoscritto il Codice di Condotta per le operazioni di salvataggio dei migranti in mare.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Vertice Ue sui migranti a Bruxelles

Migranti, manca intesa Ue: Macron e Merkel puntano ad accordi bi-trilaterali

La soluzione europea al fenomeno migratorio è ancora lontana

Vertice Ue sui migranti a Bruxelles

Migranti, i 10 punti della proposta Conte

Da "chi sbarca in Italia, sbarca in Ue" ai "centri di protezione"

TURKEY-POLITICS-VOTE

Voto Turchia, Erdogan riconfermato. Fermati 4 italiani ai seggi

Il principale avversario, Ince, sfiora il 30%. I nostri connazionali, con altri 6 stranieri, erano osservatori antibrogli

Basta plastica usa e getta e protezione delle tartarughe: ecco i lidi amici del mare

La tutela del mare passa anche dagli stabilimenti balneari che si mettono in prima linea nella lotta all'inquinamento