Martedì 23 Febbraio 2016 - 10:45

Migranti, polizia greca inizia trasferimenti da confine macedone

I profughi avevano occupati i binari della ferrovia nella zona di Idomeni

Migranti, polizia greca inizia trasferimenti da confine macedone

La polizia greca ha iniziato a trasferire i migranti dal confine con la Macedonia, dopo che migliaia sono rimasti bloccati a causa dei nuovo limiti imposti dalla Macedonia. I profughi avevano occupati i binari della ferrovia nella zona di Idomeni, dove si trova un campo di accoglienza, dopo aver tentato di superare comunque il confine. Polizia greca e pullman vuoti sono entrati nell'area prima dell'alba, ha raccontato un testimone a Reuters. Circa 600 persone sono state circondate dagli agenti.

A Idomeni i migranti bloccati erano circa 1.200, in gran parte afghani o persone senza documenti validi. Intanto, oggi altri 1.250 profughi sono arrivati ad Atene in traghetto, dopo aver raggiunto le isole greche attraversando il mar Mediterraneo. Alcuni di loro avevano biglietti di pullman verso Idomeni, ma non è chiaro se sarà loro permesso di viaggiare verso nord dalla capitale.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Princess of Asturias Awards 2017 in Oviedo

Catalogna, re Felipe: "È e sarà parte Spagna, secessione inaccettabile"

Un nuovo messaggio del monarca alla vigilia dell'applicazione dell'articolo 155 da parte del governo Rajoy

Afghanistan, ancora un attacco suicida nei pressi di una moschea sciita

Afghanistan, attacchi kamikaze in due moschee: 50 morti

Le diverse esplosioni sono avvenute mentre i fedeli si raccoglievano per la preghiera

Obama in supporto del candidato democratico Northon in Virginia

Usa, il ritorno di Obama in politica. E Bush gli fa eco (contro Trump)

Un passo molto atteso dai sostenitori dell'ex presidente

Corea del Nord, Kim Jong Un presenzia al lancio di un missile Hwasong-12

Nord Corea insiste sul nucleare: "È questione di vita o di morte"

Il direttore generale del dipartimento Nord America del ministero degli Esteri: "Risponderemo al fuoco con il fuoco"