Giovedì 07 Aprile 2016 - 12:30

Migranti, Papa Francesco andrà a Lesbo sabato 16 aprile

Il Santo Padre incontrerà i rifugiati del centro dell'isola e ripartirà in giornata

Migranti, Papa Francesco andrà a Lesbo sabato 16 aprile

Papa Francesco si recherà nell'isola greca di Lesbo sabato 16 aprile. Secondo quanto comunicato dal portavoce padre Federico Lombardi, sarà un viaggio di una sola giornata, il programma non è ancora stato definito. Il Santo Padre incontrerà i rifugiati del centro dell'isola. 

Nell'isola, con il Pontefice, visiteranno i profughi anche il patriarca Bartolomeo I e l'arcivescovo di Atene e di Tutta la Grecia Hieronimus II. "Essendo un Paese a grande maggioranza ortodossa - ha commentato Padre Lombardi - si è voluto agire in maniera più ecumenica possibile. L'iniziativa si può considerare comune".

L'annuncio della visita era arrivato due giorni fa dal governo greco, secondo cui il Papa e il patriarca di Costantinopoli Bartolomeo I sarebbero arrivati sull'isola greca il prossimo 14 e 15 aprile. Stando a quanto riportato da Lombardi, tuttavia, il viaggio sembra essere stato posticipato al 16.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

IL PRELIEVO AL BANCOMAT

La crisi spaventa: il denaro non circola, 38 miliardi di riserve in più

Unimpresa: "I cittadini accumulano per timore di nuove tasse, le imprese non investono perché non hanno fiducia nel futuro"

Belgio, insetti da mangiare

Insetti a tavola dal 1 gennaio, più di 1 italiano su 2 è contrario

La maggior parte dei nuovi prodotti proviene da Paesi come la Cina o la Thailandia da anni ai vertici delle classifiche per numero di allarmi alimentari

Maltempo ponte della Liberazione - Nebbia al Passo del Tonale

Nuvole e temperature in calo: il meteo del 21 e del 22 ottobre

Le previsioni per sabato e domenica: il freddo inizia ad arrivare

A customer walks out of a KFC restaurant in Shanghai

Kfc e la lotta alla fame: dona il pollo fritto ai poveri

Il fast food, in collaborazione col Banco Aliminetare, è il primo a non buttare le eccedenze