Martedì 03 Maggio 2016 - 18:00

Migranti, Oim: 113 morti in naufragi tra Libia e Italia

Migranti, Oim: 113 morti in naufragi tra Libia e Italia

Centotredici persone sono morte in quattro naufragi nelle acque tra Libia e Italia da venerdì scorso. Lo ha fatto sapere l'Organizzazione internazionale per le migrazioni, tramite il portavoce Joel Millman. In uno degli incidenti, una nave mercantile ha salvato 26 persone mentre altre sono state considerate disperse, aveva fatto sapere sabato la Guardia costiera. L'Oim, citando testimonianze di sopravvissuti, ha riferito che 84 persone sembrano essere disperse a seguito di quel naufragio, mentre altre 29 sono annegate in altri due naufragi nel Canale di Sicilia. - Un quarto incidente è ancora sotto indagine. In totale, 1.357 migranti sono morti in mare nei primi quattro mesi dell'anno; nello stesso periodo dello scorso anno erano stati 1.733. Da gennaio, secondo i dati Oim, 28.593 profughi sono arrivati via mare in Italia, mentre 154.862 in Grecia.

Scritto da 
  • redazione
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Continuano gli incendi in California alimentati dai forti venti

Usa, la California brucia ancora: distrutte case e 200mila evacuati. Il vento non si placa

Una donna è morta mercoledì in un incidente d'auto mentre provava a fuggire dalle fiamme nella contea di Ventura

Gerusalemme capitale d'Israele: proteste nel mondo contro il presidente Trump

Gerusalemme, guardia accoltellata davanti stazione bus. Erdogan: "Israele Stato terrorista, uccide i bambini"

Scontri con morti e feriti per la decisione di Trump di riconoscere la città capitale di Israele. Lacrimogeni contro manifestanti in Libano

Il presidente Trump con la moglie Melania all'accensione del "National Christmas Tree"

L'ex presentatrice FoxNews contro Trump: "Provò a baciarmi"

Juliet Huddy ha raccontato a "Mornin!!! with Bill Schulz" l'episodio, che risale all'anno in cui il tycoon ha sposato Melania

L'esercito dell'Iraq combatte contro l'Isis a Hawija

Iraq, il premier: "Paese totalmente liberato dallo Stato islamico"

Il primo ministro iracheno, Haidar al-Abadi: "Pieno controllo dei confini con la Siria", ultima roccaforte mantenuta dall'Is