Venerdì 06 Gennaio 2017 - 12:30

Migranti, nel 2016 è record di sbarchi in Italia: 181mila

I dati di Frontex, l'Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera

Migranti, nel 2016 record di sbarchi in Italia: 181mila

Il principale canale di arrivo dei migranti in Europa attraverso il Mediterraneo resta la Grecia, ma il numero su quel versante è in forte calo, mentre salgono gli arrivi sul versante italiano. E' il quadro tracciato da un rapporto Frontex, l'Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera, riguardo al 2016, secondo cui nell'anno appena concluso il numero di migranti in arrivo in Grecia è calato del 79%, attestandosi a 182.500. Al contrario, l'Italia - seppure in termini assoluti si attesti su una cifra inferiore - ha registrato un record, toccando quota 181mila, il più alto numero mai registrato. Il calo di arrivi in Grecia nel 2016 è dovuto in buona parte all'accordo Ue-Turchia. L'intesa è entrata in vigore a fine marzo. Il calo riflette anche la chiusura delle frontiere lungo la rotta balcanica.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, il candidato PD alla presidenza della regione Giorgio Gori ad un convegno

Migranti, Gori: "Grave che avvocato non capisca la Costituzione". Fontana: "Mia espressione infelice"

Il candidato Pd per la regione Lombardia commenta la frase shock dello sfidante di destra

Torino, Il candidato premier M5s Luigi Di Maio a pranzo con i vertici del Movimento

Parlamentarie M5S, Rousseau a singhiozzo. Disagi e proteste

Molte lamentele perché non si riesce a votare o mancano i nomi di alcuni candidati. Per i collegi uninominali sceglierà Di Maio

Porta a Porta. Ospite Beatrice Lorenzin

Lazio, Lorenzin contro LeU e avverte Zingaretti: "Pronta a candidarmi"

E' possibile che, a livello nazionale, Civica popolare vada con il Pd ma, a livello locale, corra da sola il 4 marzo nell'Election Day

Fontana insiste: "Anche nella Costituzione si parla di razze". E Salvini lo difende

Il candidato di centrodestra in Lombardia: "No al piano Gori-Bonino"