Venerdì 03 Febbraio 2017 - 16:30

Migranti, Gentiloni: Accordo Ue è strada per governare i flussi

Approvato al vertice di Malta l'accordo di cooperazione con la Libia e i paesi vicini

Migranti, leader Ue: Frenare flussi e combattere trafficanti

L'Ue ha approvato oggi al vertice di Malta un accordo di cooperazione con la Libia e i paesi vicini per frenare l'afflusso di migranti attraverso il Mediterraneo centrale. "Ho chiarito la straordinaria importanza dell'accordo di ieri perché per la primavolta le autorità di Tripoli si assumono la responsabilità concreta di instaurare un dialogo operativo  con Italia e Ue sul fenomeno migratorio". Così il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in conferenza stampa a margine del vertice di Malta. L'accordo, ha aggiunto, "è la descrizione di una possibile strada per ridurre e governare i flussi migratori, questo il consiglio Ue lo ha accolto molto bene".

I 28 leader hanno adottato ulteriori azioni per frenare i flussi migratori e distruggere - si legge in una nota congiunta - il business dei trafficanti, rimanendo vigili su altre rotte.
Il percorso del Mediterraneo centrale è diventata la principale via di ingresso di immigrati clandestini in Europa, con 181.000 arrivi nel territorio europeo nel 2016, principalmente attraverso l'Italia. Circa il 90% di questi migranti, per lo più per ragioni economiche e a cui non è concesso il diritto di asilo, arrivano dalla Libia, dove la situazione politica ed economica instabile favorisce il traffico di esseri umani. Oggi l'Ue si è impegnata a continuare il suo lavoro con le autorità libiche, il paese di origine dei flussi migratori, nonché con il Nord Africa e i vicini sub-sahariani.

"Ribadiamo la nostra determinazione ad agire nel pieno rispetto dei diritti umani e del diritto internazionale e dei valori europei e successivi con l'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (Oim) e l'Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr)," aggiunge la dichiarazione. Organizzazioni come Amnesty International (Ai) hanno avvertito oggi che la chiusura delle frontiere marittime meridionali dell'Unione europea può comportare il lasciare esposti "migliaia di rifugiati e immigrati che vengono via mare dalla Libia all'essere arrestati e soffrire terribili abusi dei diritti umani", si legge in un comunicato.

Il documento approvato dalla Ue sottolinea la necessità di sostenere il governo di Accordo Nazionale per aumentare la cooperazione e l'assistenza alle comunità locali regionali e libici, così come le organizzazioni internazionali attive nel paese. Le priorità includono la formazione, le attrezzature e il supporto della guardia costiera libica, l'aumentare gli sforzi per distruggere il modello di business dei trafficanti e migliorare le condizioni socio-economiche delle comunità locali in Libia. I paesi sostengono gli sforzi degli Stati membri per gestire l'immigrazione e hanno apprezzato il memorandum d'intesa firmato giovedì tra Italia e Libia.

Sottolineano anche la necessità di contribuire a ridurre la pressione sulla terra di confine Libia, rafforzare la capacità di gestione delle frontiere in quel paese e in collaborazione con i paesi vicini. La dichiarazione ha detto che l'Ue sostiene l'idea di mobilitare 200 milioni di euro per progetti nel 2017, con priorità a coloro che hanno a che fare con l'immigrazione in Libia, che verrebbe finanziata dal fondo fiduciario UE. D'altra parte, si sottolinea la necessità di aiutare l'Oim nel  rimpatrio volontario e condurre campagne di informazione rivolte degli immigrati in Libia e nei paesi di origine e transito. I paesi si impegnano, inoltre, a "perseguire altre alternative e l'eventuale sviamento delle attività dei trafficanti, attraverso gli sforzi di cooperazione con i paesi vicini e nel quadro del partenariato della Libia, appoggiate degli Stati membri"  e dalle agenzie europee.

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Migranti, nave Diciotti entra nel porto di Trapani

Nave Diciotti, Toninelli: "Malta ancora inqualificabile. L'Ue si faccia avanti"

Il ministro d'accordo con Salvini ma difende la Guardia costiera e chiede all'Europa di farsi carico dei 177 migranti a bordo

Indonesia, si scava tra le macerie dopo il terremoto

Indonesia, terra trema ancora: terremoto di magnitudo 6.3 sull'isola di Lombok

Un'altra violenta scossa a due settimane dal sisma che ha ucciso oltre 460 persone. Avvertita anche a Mataram e Bali

Sochi, conferenza riunita Putin-Merkel

Putin da Merkel: cena in castello Meseberg, in menu Nord Stream 2

Quello del gasdotto è fra i temi caldi sul tavolo, soprattutto dal momento che Russia e Germania sono sotto pressione in merito da parte degli Stati Uniti di Donald Trump

ITALY-MIGRATION

Nave Diciotti, con 177 migranti, bloccata da Salvini a Lampedusa

L'unità è intervenuta in acque Sar maltesi per prendere a bordo le persone. La Valletta non li vuole e l'Italia nemmeno. Attacchi sui social