Venerdì 07 Luglio 2017 - 11:45

Migranti, Tusk critico al G20: Partner ipocriti, sanzioni a trafficanti

"E' il minimo che possiamo fare a livello globale", ma "non abbiamo appoggio nemmeno per questo"

Migranti, l'attacco di Tusk al G20: Partner ipocriti, sanzionare trafficanti

Il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, da Amburgo critica il "cinismo" e "l'ipocrisia" di alcuni membri del G20 che impediscono l'imposizione di sanzioni internazionali contro i trafficanti di esseri umani nel mar Mediterraneo. Ha sottolineato di voler convincere i partecipanti al summit ad appoggiare l'imposizione delle sanzioni: "E' il minimo che possiamo fare a livello globale", ma "non abbiamo appoggio nemmeno per questo minimo". "Dobbiamo almeno tentare di convincere i nostri partner a essere più seri, meno cinici, contro i trafficanti e i loro sporchi affari", ha proseguito.

Per Tusk, le riunioni di oggi saranno "un chiaro test" per vedere "la buona o cattiva volontà" dei soci del G20, ma "oggi è molto difficili essere ottimisti" su questo punto. Per il presidente del Consiglio europeo, l'Ue è riuscita a controllare l'immigrazione irregolare nel Mediterraneo orientale perché in quella zona ha soci "stabili", un riferimento alla Turchia e ai Paesi balcanici, mentre nel Mediterraneo centrale non è così. La situazione politica in Libia, ha proseguito, è il principale "problema".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Goteborg, scontri ad una marcia dell'estrema destra

Svezia, bomba esplode davanti a stazione della polizia

È accaduto a Helsingborg, nel sud della Svezia. Per il momento non sembrerebbero esserci vittime

Cina, Xi: "Pronti a diventare un grande Paese socialista moderno"

Cina, Xi: "Pronti a diventare un grande Paese socialista moderno"

E sull'economia annuncia: "Puntiamo ad avere tassi d'interesse e i tassi di cambio più basati sul mercato"

Nigeria, bombe a Abuja

Nigeria, liberato don Pallù. Alfano: "Sta bene"

Il sacerdote della diocesi di Roma era da tre anni in missione nel Paese africano. Gioisce la parrocchia di San Bartolomeo

Il direttore di Amazon Studios si dimette per accuse di molestie sessuali

Avrebbe inoltre ignorato le denunce di un'attrice su abusi sessuali che avrebbe subito da Weinstein