Venerdì 07 Luglio 2017 - 17:30

Migranti, Gentiloni: Capacità di accoglienza non è illimitata

Non possono esserci "operazioni di soccorso internazionali, da una parte, e operazioni di accoglienza nazionali, dall'altra"

Migranti, Gentiloni: Capacità di accoglienza non è illimitata

"Penso che sia normale dire che non ci sia una capacità illimitata, tant'è che stiamo lavorando per contenere i flussi" migratori verso l'Italia. Queste le parole del premier Paolo Gentiloni a margine del G20 di Amburgo. "Io non mi rassegno al fatto che ci siano operazioni di soccorso internazionali, da una parte, e operazioni di accoglienza nazionali, dall'altra: questo è il paradosso di queste settimane". Questo "è un discorso che stiamo facendo da mesi" e "l'Europa non può avere una rigidità diversa, ad esempio, tra le materie di bilancio e quelle relative all'immigrazione". "A queste scelte si devono attenere i Paesi che le hanno condivise", ha aggiunto il premier.

"Se ognuno si limita a proteggere il proprio giardino avremo un mondo molto spezzettato e un mondo molto spezzettato non è un mondo in cui c'è una crescita di quattro punti", ha proseguito il premier.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo, non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi

L'Italia piange Bruno e Luca. Mattarella: "Lotta al terrore"

La politica si stringe nel dolore delle famiglie