Lunedì 30 Maggio 2016 - 07:15

Migranti, nel Mediterraneo 700 morti in una settimana

I soccorritori hanno portato in salvo oltre 13mila profughi in arrivo da Paesi del centro Africa, Eritrea e Siria

Migranti, strage nel Mediterraneo: 700 morti in una settimana, tanti bimbi

E' un tragica emergenza senza fine quella che in queste ore vive il Mar Mediterraneo dove il lavoro senza sosta dei soccorritori ha portato in salvo oltre 13mila migranti nell'ultima settimana, ma non è servito a evitare la morte di oltre 700 persone. Tra le vittime, secondo l'Alto commissariato per i rifugiati dell'Onu e Medici senza frontiere, ci sarebbero anche decine di bambini. Almeno tre i naufragi, in uno dei quali sarebbero morte 550 persone.  Al lavoro tutte le unità della guardia costiera con le missioni internazionali e i tanti mercantili che vengono dirottati, quando serve aiuto per i soccorsi. La guardia costiera coordina le operazioni dalla centrale operativa di Roma e da lì smista le navi con a bordo i migranti facendole dirigere di volta in volta in Sicilia, Calabria, Puglia, a seconda delle esigenze.  I profughi arrivano prevalentemente da paesi del centro Africa, Eritrea e Siria: arrivati a terra vengono visitati e identificati prima di essere trasferiti in altri centri.

La giornata di ieri si è aperta con l'arrivo a Reggio Calabria della nave Vega della marina militare: a bordo 629 profughi e 45 salme. Di ora in ora è cresciuto il numero delle persone salvate ma anche il bilancio delle vittime. Intanto la polizia di Ragusa ha fermato a Pozzallo quattro presunti scafisti (uno minore), per tre imbarcazioni cariche di 700 migranti salpate dalla Libia. Uno di loro è indagato anche per la morte di oltre 400 migranti affondati insieme a un barcone del quale era responsabile. 

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti l'uomo, un cittadino del Sudan di 29 anni, conduceva un barcone con 500 migranti a bordo e ne trainava un altro con altri 500. A provocare il naufragio, sarebbe stata la scelta dell'uomo di tagliare la fune quando il peschereccio trainato ha iniziato a imbarcare acqua. Il peschereccio è affondato velocemente con 300 migranti in stiva e 200 caduti in mare, dei quali solo 90 sono stati messi in salvo. Inoltre la fune tagliata dal sudanese è rimbalzata come una molla uccidendo una donna, il cui cadavere è stato recuperato. Proprio grazie alle testimonianze dei sopravvissuti, la squadra mobile di Ragusa è riuscita a identificare i quattro che fanno salire a 62 il numero degli scafisti fermati nel 2016, 19 dei quali minori.
 

Scritto da 
  • Alessandra Lemme
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

REALI DI SAVOIA

Savoia, la salma della regina Elena torna in Italia

Le spoglie sono ora al Santuario di Vicoforte e presto potrebbero arrivare anche quelle del marito, re Vittorio Emanuele III

Da operaio a rubagalline fino a diventare un killer: ecco chi è 'Igor'

L'ex soldato è arrivato in Italia nel 2005, prima lavora poi inizia a delinquere

Roma,Movimenti per la Casa contro lo spettacolo di Beppe Grillo al Teatro Flaiano

Coniugi uccisi a Viterbo: fermato il figlio a Ventimiglia

I corpi delle vittime erano stati trovati avvolti nel cellophane dall'altra figlia della coppia

Arrestato Igor, l'assassino spietato di Budrio: era in Spagna

Era ricercato da mesi. Fermato dopo un conflitto a fuoco in cui ha ucciso tre persone