Mercoledì 30 Agosto 2017 - 17:30

Migranti, don Claudio: Accolgo chi arriva ai 2000 metri in infradito

Parla il parroco torinese che si è trovato davanti i migranti respinti al confine con il Piemonte dalla gendarmeria francese

Don Claudio Curcetti è il parroco torinese che a duemila metri di altezza in Valle Stretta si è trovato davanti i migranti che, dopo aver tentato di valicare la frontiera con la Francia dal Col della Scala, sono stati respinti al confine con il Piemonte dalla gendarmeria francese. I profughi sono pronti a 'scavallare' il passo alpino in t-shirt e infradito per raggiungere la terra promessa dell'Europa in cerca di lavoro e fortuna. Arrivano tutti dalla Libia, sono sopravvissuti alle traversate nel mar Mediterraneo: alcuni sono fuggiti dai centri di accoglienza, altri sono arrivati attraverso strade tortuose fino a quel lembo d'Italia che si affaccia sul resto del continente e non ci stanno a farsi fermare a un passo dal sogno per cui hanno rischiato la vita. Scovano quindi nuove rotte attraverso i valichi alpini al confine con il Piemonte.

Don Claudio nega con decisione la qualifica di 'passeur' e spiega di non aver accompagnato proprio nessuno dall'altra parte: si è limitato ad 'accogliere', spiega, chi già era in territorio francese.

Cos'è successo esattamente?

"Era una sera d'estate, mi sono trovato davanti queste sagome scure: tutti giovani, vestiti leggeri, che chiedevano aiuto. Mi trovavo con i ragazzi dei campi parrocchiali nel rifugio di Valle Stretta. Abbiamo dato loro giacche a vento, calzini, da mangiare e un letto per dormire. Erano stanchi, stremati. Ma non abbiamo fatto nulla di illegale: loro erano già in Francia. È possibile poi che qualche ragazzo li abbia accompagnati per una passeggiata".

Che cosa ha pensato quando li ha visti?

"Gesù ha detto 'avevo sete e mi avete dato da bere, ero nudo e mi avete vestito'... Ho in mente i loro occhi, non sta a me giudicare se abbiano torto o ragione. Non abbiamo fatto altro che accoglierli".

Quando sono arrivati i primi?

"Ne saranno passati una trentina da giugno al 20 agosto. Ma le notizie di migranti che passavano dal Col della Scala risalgono a marzo. Quando i francesi se ne accorgevano, li bloccavano e spedivano indietro, verso l'Italia. Una parte di loro ha deviato per il colle di Valle Stretta, altri per il Col du Vallon verso Nevache e altri ancora per il colle di Thures".

Non avete avuto paura?

"Di chi? Il più giovane ha detto di avere 16 anni e un'unica speranza: studiare come i suoi coetanei europei. Hanno scelto la Francia perché sono francofoni. Mi ha spiegato che vuole andare a scuola ed è più complicato fermarsi in Italia e reimparare la lingua. Per questo è scappato dalla comunità in cui si trovava a Napoli".

Sono islamici? Hanno idea del terrorismo?

"Sono tutti musulmani, ma non gli importa nulla delle rivendicazioni dell'Isis. Anzi, spesso fuggono da realtà in cui l'estremismo religioso limita le libertà individuali".

È vero che pensate di lasciare aperta una parte del rifugio almeno fino a ottobre?

"Ci stiamo pensando. Si potrebbe lasciare la stamberga aperta almeno fino all'arrivo delle prime nevi, nel caso qualcuno passi e abbia bisogno. Anche perché i migranti ci hanno detto che altri rifugi li hanno rifiutati".
 

Scritto da 
  • Elisabetta Graziani
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Tumori al polmone, nuova macchina per la ricerca

Diciasettenne muore di meningite in ospedale a Imola

Era ricoverato da venerdì scorso per un caso batterico

Cina, lo spettacolo creato dalle nuvole nel cielo di Xiamen

Le nuvole vengono da Sud. Il Meteo del 21 e 22 novembre

Due giornate all'insegna della variabilità. Cieli coperti ma anche schiarite e piovaschi, temperature in saliscendi

Sciopero Nazionale dei Taxi

Non c'è accordo al governo: sciopero dei taxi in tutta Italia

Trenta sigle sindacali hanno annunciato la mobilitazione. Nencini: "Del tutto ingiutsificato"

Mafia, arresti e perquisizioni alla Regione Lazio e al Campidoglio: indagato anche Alemanno

Mafia, maxi operazione dei carabinieri a Palermo: 27 arresti

Al centro dell'indagine la famiglia mafiosa di Santa Maria di Gesù