Giovedì 09 Giugno 2016 - 10:15

Migranti, boss estradato in Italia forse vittima di scambio persona

La persona in questione si chiamerebbe in realtà Mered Tesfamariam e non Medhanie

Migranti, boss estradato in Italia forse vittima di scambio persona

L'uomo eritreo arrestato a Karthum ed estradato martedì in Italia perché sospettato di essere il boss della tratta di essere umani Mered Yehdego Medhanie, potrebbe essere stato vittima di uno scambio di persona. È quanto scrive la Bbc, citando Hermon Berhe, un amico dell'uomo arrestato, secondo cui la persona estradata in Italia si chiamerebbe in realtà Mered Tesfamariam. Berhe, che vive in Etiopia e dice di essere cresciuto in Eritrea con l'uomo visto nelle fotografie, lo definisce "una persone amorevole, cordiale e gentile". Inoltre, Meron Estefanos, giornalista eritreo-svedese che lo scorso anno intervistò Mered Yehdego Medhanie sostiene che l'uomo nelle fotografie non sia lui, ma un 28enne con lo stesso nome.

Medhanie, 35 anni, è legato a una rete internazionale di traffico di essere umani ed è considerato responsabile della morte di centinaia di rifugiati nel mar Mediterraneo. Tra loro anche i 359 migranti morti nel 2013 al largo di Lampedusa. L'Agenzia nazionale contro la criminalità britannica (Nca) ieri aveva fatto sapere che il boss del traffico era stato localizzato a Karthum, in Sudan, e arrestato a maggio, nel corso di un'ampia operazione della polizia. Il portavoce della Nca sostiene che si sia trattato di un'operazione "complessa", alla quale hanno preso parte varie organizzazioni, e sostiene che ora sia "prematuro" speculare sull'identità dell'uomo estradato.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Nashville sparatoria in un locale

Usa, spari in una scuola in Indiana: due feriti, fermato sospetto

Colpita la Noblesville West Middle School di Indianapolis

Roberto Izzo in aula per deporre durante il processo per la strage di Piazza Loggia

Mostro Circeo, Izzo a pm: "Nel '75 uccidemmo una 17enne veneta"

Ha raccontato ai magistrati la verità su Rossella Corazzin, sparita 43 anni fa dai boschi di Tai di Cadore mentre era in vacanza. Fu violentata da un branco di 10 uomini e poi ammazzata

L'esercito dei bambini scomparsi: in Italia sparisce un minore ogni 48 ore

Nel 2017 il Telefono Azzurro ha gestito 177 casi. Il Lazio la regione più problematica

La polizia di Frontiera Francese continua i controlli alla stazione di Bardonecchia

Migranti, trovato cadavere al confine tra Italia e Francia

Il corpo rinvenuto a Bardonecchia, nei pressi del sentiero montano dell'orrido del Frejus